Cerca

Televisioni

Nicola Porro, addio a La7: va a Rai2

Il programma in prima serata si chiamerà "Virus". Vince la concorrenza del teletribuno, che sperava nel ritorno a Viale Mazzini

Nicola Porro

Nicola Porro

Da quando ha lasciato la Rai, Michele Santoro non ha mai smesso di bramare un ritorno a Viale Mazzini. E Il fatto che la prima serata di giovedì sulla seconda rete dopo il suo addio sia rimasta scoperta non faceva che alimentarne le speranze del teletribuno. Ora però Michele può anche mettere su questa ambizione una bella pietra tombale: Nicola Porro ha infatti ufficializzato il suo passaggio a Rai 2, in prima serata, lasciando così La7 e prendendo di fatto il posto che fu di Santoro. 

Porro lascia La7 - Porro, con eleganza, ha però subito precisato di voler evitare paragoni con il suo predecessore, a cui concede l'onore delle armi: "Per me Santoro è un maestro, ho capito come si fa televisione andando spesso in trasmissione da lui. Però non la penso come lui su molte cose e abbiamo un tipo di conduzione completamente diversa". Il nuovo programma di Porro - vicedirettore de Il Giornale - si chiamerà Virus e non avrà niente a che fare con Annozero, Servizio Pubblico e, in generale, con i format ideati e condotti da Santoro.

I pretendenti - Dopo due anni, quindi, l'informazione su Rai 2 torna in prima serata. Ad ambire alla conduzione che era rimasta scoperta erano in tanti: si è parlato di Gianluigi Paragone e, per un periodo, della "zanzara" Giuseppe Cruciani, oltre che del già citato Santoro. L'amministratore delegato della Rai, Luigi Gubitosi, ha però optato per Porro, che ha avuto la meglio della concorrenza e soprattutto di Santoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlodierre

    18 Maggio 2013 - 17:05

    finalmente sulla Rai,in prima serata, un giornalista e un programma ..senza tribunali e senza tribuni!Auguroni,grande Porro.

    Report

    Rispondi

  • zioFranco

    17 Maggio 2013 - 17:05

    a differenza di Sant'Oro - eviterà di allestire la trasmissione con quel colore rosso cupo che fa venire il voltastomaco - eviterà di attorniarsi di ochette che se la tirano e profumano come fossero le uniche ad averla e di paggi, come quello che fa i disegnini e il paranoico delle trame nascoste, che si lavano anche poco e puzzano - eviterà di far partecipare una claque gaudente e plaudente di guardoni imbecilli che battono le mani come scimmie zio Franco

    Report

    Rispondi

  • trebisonda

    17 Maggio 2013 - 14:02

    un giornalista serio ,capace,intelligente,sorridente,e rispettoso delle differenze.Augurissimi caro Porro

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    17 Maggio 2013 - 11:11

    Ma tant'é... Minzolini cosda valeva ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog