Cerca

Sotto a chi tocca

Dopo la Annunziata, Brunetta infilza Fabio Fazio: "Ospiti solo personaggi di sinistra"

Il capogruppo del Pdl ha presentato un'interrogazione parlamentare contro Che tempo che fa. Renzi, Bersani, D'Alema, Landini, Camusso e Bolrdini tra gli ospiti

Renato Brunetta

Renato Brunetta

La battaglia di Renato Brunetta contro l'informazione politicizzata prosegue. Dopo Lucia Annunziata, a finire nel mirino del fumantino capogruppo del Pdl è Fabio Fazio e il suo programma Che tempo che fa. L'accusa è sempre la stessa: la mancanza di pluralismo e imparzialità della trasmissione. Lo strumento per porre rimedio alla situazione pure: un'interrogazione parlamentare presentata alla Commissione parlamentare di Vigilanza. 

Mancanza di pluralismo - Si legge nel testo: "La trasmissione, che fa della legalità la sua bandiera e del moralismo la sua cifra programmatica, ha disatteso clamorosamente le norme che impongono alle reti televisive di ‘servizio pubblico’ la salvaguardia del pluralismo e il rispetto dell’equilibrio dei punti di vista”. Da economista qual è, Brunetta mette sul piatto numeri e cifre a supporto della sua tesi: "Nel periodo compreso tra il 30 settembre 2012 e il 26 maggio 2013, su 60 puntate andate in onda su Rai Tre, la trasmissione ‘Che tempo che fa’ ha ospitato ben 20 esponenti appartenenti al Partito Democratico o comunque riconducibili alla coalizione di centrosinistra". 

Tutti i 'rossi' ospiti di Fazio - Tra questi, c'è tutto il gotha democratico: Matteo Renzi è stato ospite per ben 4 volte, mentre Pierluigi Bersani si è dovuto 'accontentare' di tre ospitate, seguito da Massimo D'Alema e Walter Veltroni a quota 2. Opsite di Fazio anche Enrico Letta, Giuliano Amato e Josefa Idem. Basta così? Certo che no. Habitué della trasmissione sono anche Nichi Vendola, Maurizio Landini, Rosario Crocetta, Laura Boldrini e Susanna Camusso. Insomma, una vera e propria passerella radical-chic. L'elenco potrebbe proseguire, ma sarebbe interminabile. 

"Soluzioni tempestive" - Le conclusioni di Brunetta sono senza appello: "Tutto questo contrasta con qualsiasi norma giuridica e deontologica, ben consapevole che ‘la tutela del principio del pluralismo non significa lottizzazione numerica degli spazi e degli operatori tra i partiti, ma corretta rappresentazione della pluralita’ delle posizioni in cui si articola il dibattito politico-istituzionale e delle diverse ispirazioni culturali. Tutte le diverse matrici culturali del Paese hanno dignita’ e diritto ad esprimere la propria visione progettuale e la propria interpretazione della realta”. Il capogruppo del Pdl chiede quindi "quali iniziative tempestive intendano prendere per garantire il diritto alla completa e obiettiva informazione del cittadino e rispetto del pluralismo nell’informazione all’interno dei programmi di approfondimento politico del servizio pubblico radiotelevisivo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ubik

    31 Luglio 2013 - 17:05

    però volendo si potrebbe mandare in onda su 8 canali contemporaneamente. Per me non fa alcuna differenza

    Report

    Rispondi

  • cal.vi

    01 Luglio 2013 - 11:11

    come l'altro Fazio....a casa, a zappare l'orto della sua villa.

    Report

    Rispondi

  • grisostomo

    grisostomo

    26 Giugno 2013 - 18:06

    Mentre è possibilissimo che invitino un sinistro coglione signor nessuno come isi 1950 per sparare cazzate a vanvera.

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    26 Giugno 2013 - 18:06

    non che Brunetta mi sia simpatico ,ma dice una verità amara per I compagni (PCI =PD ) , certo tra loro se la intendono e possono dire tutte le cazzate possibili, nessuno li può contraddire men che meno la Comagna Annunziata,ottimo gioco di squadra o meglio ..famelici compagni di merenda

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog