Cerca

L'operazione delle Fiamme gialle

Calcio, sospetti di frode fiscale: perquisiti 41 club di A, B e serie minori. Coinvolti Napoli, Inter e Milan

Inchiesta sul club di De Laurentiis, la Finanza entra nelle sedi di varie società per acquisire i contratti con i calciatori

Calcio, sospetti di frode fiscale: perquisiti 41 club di A, B e serie minori. Coinvolti Napoli, Inter e Milan

Calciomarcio, nuovo capitolo. Questa volta le scommesse non c'entrano: la Guardia di Finanza ha effettuato perquisizioni nelle sedi di 41 club di A, B e serie minori, tra cui Napoli, Juventus, Lazio, RomaInter e Milan, per verificare eventuali irregolarità fiscali. Pesante l'accusa: associazione a delinquere finalizzata all'evasione e al riciclaggio. Tutto nasce dall'inchiesta della procura di Napoli per frode fiscale: per quanto riguarda il club del presidente Aurelio De Laurentiis, gli agenti hanno perquisito la sede di Castelvolturno e quella della Filmauro a Roma. L'obiettivo delle Fiamme gialle è acquisire i contratti dei calciatori. L'indagine, secondo quanto si apprende, nasce un anno fa dopo che gli uomini delle Fiamme Gialle acquisirono i contratti tra calciatori e procuratori nella sede del Napoli. Un'indagine è in corso anche sui rapporti tra calciatori, società e i procuratori sportivi (tra gli altri, Alejandro Mazzoni e Alessandro Moggi, figlio di Luciano). Il sospetto è quello di evasione fiscale mediante sistematica fatturazione di operazioni negoziali inesistenti. Tra i contratti sotto esame anche quelli di Legrottaglie, Nocerino, Lavezzi, Campagnaro. 

Tutte le 41 squadre coinvolte - Ecco l'elenco completo dei 41 club coinvolti. Diciotto i club di serie A (alcuni dei quali retrocessi alla fine della stagione scorsa): Chievo, Milan, Inter, Siena, Roma, Fiorentina, Atalanta, Pescara, Genoa, Juventus, Torino, Parma, Lazio, Napoli, Udinese, Sampdoria, Palermo e Catania. Undici le società di serie B: Cesena, Bari, Livorno, Brescia, Reggina, Crotone, Juve Stabia, Spezia, Ternana, Grosseto e Vicenza. Gli altri dodici club coinvolti sono: Gubbio, Benevento, Portogruaro, Andria Bat, Lecce e Albinoleffe (Lega Pro - prima divisione); Mantova e Lecco (Lega Pro - seconda divisione); Foggia (terza categoria); Cosenza (serie D, in fallimento); Piacenza e Triestina (radiate dalla Federcalcio).

Tutti i calciatori coinvolti - Ecco l'elenco completo dei calciatori sui cui contratti sta indagando la Procura. Ezequiel Lavezzi, Adrian Mutu, Jesùs Datolo, Alessandro Pellicori, Alessio Tacchinardi, Antonio Nocerino, Brayan Perea, Ciro Immobile, Cristian Molinaro, Cristian Stellini, Franceschini, Davis Curiale, Domenico Danti, Riccardo Innocenti, Emanuele Calaiò, Erjon Bogdani, Fabio Liverani, Federico Fernandez, Ferdinando Sforzini, Francesco Cozza, Francesco De Rose, Francesco Tavano, Cristian Chavez, Gabriel Paletta, Gaetano D'Agostino, Gennaro Scarlato, Germàn Denis, Giuseppe Sculli, Giuseppe Statella, Guglielmo Stendardo, Guido Davì, Joel Acosta, Ignacio Fideleff, Aldo Paniagua, Marco Cassetti, Marek Jankulovski, Marius Stankevicius, Massimo Oddo, Matteo Contini, Matteo Paro, Mattia Graffiedi, Dorlan Pabòn, Bruno Arcari, Nicolàs Bianchi Arce, Nicola Legrottaglie, Bruno Mora, Nicolàs Amodio, Pablo Fontanello, Pasquale Foggia, Bryan, Battaglia, Rubén Botta, Salvatore Aronica, Tomàs Guzman, Hugo Campagnaro.

Giocatori sudamericani nel mirino - Gli investigatori stanno esaminando i contratti delle operazioni  di compravendite e di rinnovo del rapporto di prestazioni sportive a   livello nazionale e internazionale, ed eventuali diritti di opzione, ma anche la gestione del patrimonio aziendale e le modalità di riferimento in bilancio dei giocatori professionisti. Sotto esame le modalità di utilizzo dei diritti pluriennali riguardanti le prestazioni oggetto di rivalutazione, le eventuali transazioni intercorse tra le diverse società calcistiche con finalità spalma-debiti. Nel mirino anche l'attività cosiddetta di scouting, la gestione dei diritti di immagine e dei diritti televisivi e il trattamento tributario delle operazione di compravendita dei calciatori e eventuali fenomeni di estero-vestizione. Nelle sedi delle 41 società perquisite nell’ambito dell'inchiesta dei pm di Napoli Ardituro, Ranieri, De Simone e Capuano, pool cordinato dall’aggiunto Giovanni Melillo, sono stati acquisiti in particolare i contratti dei calciatori sudamericani, in particolare argentini e brasiliani. Acquisiti anche i bilanci. L'obiettivo è accertare le modalità con le quasi sono state indicate plusvalenze per le gestioni successive che in realtà non erano possibili scrivere e stornare nei conti economici. Presi anche contratti pubblicitari di alcuni calciatori di serie A per accertare reati di evasione fiscale. Tra le ipotesi investigative, il riciclaggio internazionale di soldi provenienti da acquisti di babycalciatori sudamericani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Enzo47

    26 Giugno 2013 - 07:07

    Che strano chissà perché quando vince la Juve escono gli scandali, nel periodo in cui l'Inter era padrona tutto tranquillo, vuoi vedere che riesumano il Guido Rossi e sotto sotto si portano a casa un'altro scudetto di cartone? Questi contratti mi sembrano un po datati eppure escono solo ora, penso molto male... Enzo47 dalla verde Varese

    Report

    Rispondi

  • Noidi

    25 Giugno 2013 - 16:04

    è arrivato l'idiota delle 15:47. Primo: cosa c'entra MPS in questo discorso? Secondo: Per me i colpevoli del fatto MPS dovrebbero appenderli per i cosidetti. Terzo: Lei si è mai chiesto perchè Berlusconi non hai speso una sola sillaba sul discorso MPS? Quarto: Ma quanto è "limitato" Lei se non riesce a trovare altri argomenti se non quelli da Lei esposti. Povera la mia destra, rappresentata ora da un branco di deficienti.

    Report

    Rispondi

  • jetstream

    25 Giugno 2013 - 16:04

    in una regione dove succede di tutto e di più che fanno i nostri prodi pm ? indagano su "presunte" frodi fiscali legate al calcio nostrano. a me sorge il dubbio che visto che con Moggi senior in appello non vada proprio bene allora ci provano con Moggi junior. e poi visto che ci sono 2 scudetti freschi juve da revocare chissà che uno non lo diano poi al Napoli.

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    25 Giugno 2013 - 15:03

    cioè un demente che scrive minchiate come fai tu, ma quale sarebbe l'industria del calcio che sono tutte società fintamente in debito? dai dell'idiota a me? no il paese è in declino per persone come te, sfigato! pussa via trinariciuto di un bananas!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog