Cerca

comunicati

Professione Trader: sempre più italiani sono alla ricerca di un nuovo tipo di mestiere e sembrano trovare fortuna sulle piattaforme di investimento online

17 Settembre 2019

0

(Milano, 17/09/2019) - Milano, 17/09/2019 - Il trading online ha sta cambiando non solo l’economia, ma anche il mercato del lavoro. In Italia come nel mondo, sono sempre più le persone che scelgono questa attività come professione, tanto da poterla considerare una delle nuove professioni digitali. Una professione che può garantire, se fatta con giudizio, un’entrata extra mensile. Come emerso dall’annuario italiano del Trading Online nel corso dell’IT-Forum Milano, questa crescita è dovuta a diversi fattori, primo fra tutti la possibilità di poter usufruire di nuove tecnologie e dell’esperienza di altri professionisti con i quali confrontarsi e formarsi. Inoltre, va sottolineato che sono ormai 6 milioni gli italiani che hanno accesso a un conto bancario online e questo dato è destinato a crescere in maniera esponenziale.

Secondo i recenti dati dell’Annuario sul Trading Online in Italia, il numero dei broker che offrono servizi di investimenti e trading online è cresciuto del 10 % tra il 2016 e il 2017, e i broker autorizzati dalla Consob ad esercitare sono 132, che possono operare online su 102 mercati. Questa cifra appare abbastanza impressionante, se si pensa che il trading online in Italia è un fenomeno relativamente recente, regolamentato solo nel 1999 attraverso il Nuovo Regolamento Consob di attivazione del Testo Unico dei mercati finanziari.

I broker operano utilizzando diverse piattaforme online, sia web che mobili, sulle quali si può fare trading online dall’Italia e da tutto il mondo.

La più famosa e in uso è la MetaTrader 4, più utilizzata, in particolare per il Forex, rispetto alla MetaTrader 5, la seconda in classifica.

Dei 132 broker online autorizzati ad offrire servizi in Italia, 106 sono stranieri con sede all’estero e senza succursale in Italia, operanti principalmente nei seguenti strumenti finanziari: le Opzioni, i CFD, il Forex e le Criptovalute, nuovo strumento di successo per chi ama la volatilità. Oltre a questi, ci sono altri istituti che possono fare o offrire servizi di trading online,tra cui figurano 9 banche e 8 SIM italiane. Da sottolineare che molte società sono state chiuse, a conseguenza della nuova legge contro le Opzioni Binarie, diventate illegali in Europa.

Diventare trader e lavorare da casa: caratteristiche e consigli utili per imparare

Il trader che opera online, specialmente chi è all’inizio, come anche le figure specializzate di questo settore, deve avere delle caratteristiche specifiche per non perdere i propri risparmi. Come si può ben capire, investire denaro nei mercati finanziari online è un lavoro che tutti possono oggi fare, che per lungo tempo, però, non era accessibile a chiunque.

Internet e le molte piattaforme apparse sul web hanno creato la possibilità di praticare liberamente trading online, aumentando vertiginosamente il volume di affari e di utenti interessati a questa forma di investimento. Ciò ha comportato quindi la nascita della figura del trader online, la nuova figura professionale digitale capace di operare attivamente con i vari strumenti finanziari disponibili. La maggior parte di queste persone hanno iniziato investendo piccole somme, al fine di apprendere le tecniche e tutti i segreti delle varie strategie, l’analisi tecnica e i possibili scenari che caratterizzano i mercati. Nella maggior parte dei casi, chi si dedica a questa professione, facendone un lavoro, studia per mesi, attraverso libri, webinar, guide su internet e siti che insegnano proprio a come dominare la borsa.Clicca qui, ad esempio, per leggere una guida seria e completa sul trading online e sulla figura del trader.

Esistono anche piattaforme di trading e broker definiti intermediari, a cui viene affidato il mandato di gestire le proprie transazioni finanziarie e di soggetti differenti e vengono ricompensati tramite una prestabilita percentuale a contratto concluso. Bisogna, in questo caso, fare attenzione alle truffe online e i cosiddetti broker che offrono Conti Gestiti. Sempre meglio operare da soli e imparare ad acquistare e vendere valute, CFD, titoli azionari e criptovalute.

Alla base di queste compravendite ci devono essere due fattori essenziali: la giusta conoscenza del settore -che si traduce in calcoli e strategie da seguire- e, naturalmente, l’esperienza.

Nel trading online esistono anche altre figure importanti come quella del market maker. Di solito, molti dei broker di CFD presenti su internet, sono anche market maker. Sono loro che gestiscono il mercato e accettano le transazioni degli investitori.

Con l’avvento di internet e di piattaforme di investimento veloci, sono anche nate varie figure di trader. I veri professionisti concentrano il loro lavoro su strumenti precisi e quindi si specializzano su pochi asset, come CFD o Forex, ad esempio. Il tutto gestendo il Rischio e operando in maniera cauta, ma costante. Altri trader, invece, specialmente all’inizio, amano affidarsi al Copy Trading. Si tratta di uno strumento che permette, in tempo reale, di verificare la performance dei migliori e peggiori investitori online e semplicemente poter copiare le loro azioni in borsa. In base alla tipologia di investimento, e quantità dell’importo a disposizione, cambiano le commissioni, i ricavi, i tempi di investimento e anche i rischi. Fare trading in Bitcoin, ad esempio, è molto più difficile che investire su EUR/USD perché più rischioso e molto più volatile delle valute.

Attraverso le piattaforme dei broker, si può operare 24 ore su 24, 7 giorni su 7, a livello internazionale e in tempo reale. Attraverso sofisticati strumenti si possono consultare facilmente gli studi, le ricerche di settore, i grafici e le tabelle con le principali informazioni attraverso le quali capire su cosa e quando investire.

Le piattaforme broker permettono di tenersi sempre informati su ciò che sta accadendo sul mercato, ma è sempre meglio che anche il trader sia abbastanza aggiornato per essere prontamente assistito nei suoi investimenti. Un valido portale informativo è https://www.transitionstrading.com/.

Per chi sceglie questa professione su internet non esistono corsi di laurea specifici, ma studi economici o con indirizzi finanziari sono sicuramente utili, sebbene non essenziali per diventare un trader. Uno vantaggio anch’esso molto utile è la conoscenza dell’inglese o di qualche altra lingua. I migliori trader sanno anche utilizzare excel che viene usato per tenere conto delle posizioni aperte e per calcolare il rischio, dove posizionare lo Stop Loss e per scegliere la quantità da investire in una certa negoziazione.

Un fattore che influenza il risultato in borsa si riferisce alla parte psicologica e quella caratteriale: per fare trading online c’è bisogno di ottimismo, razionalità, costanza, freddezza e intraprendenza: la fortuna aiuta, ma in economia si deve essere sempre informati e in contatto con altri professionisti. Se si possiedono queste caratteristiche, si può avviare una carriera da trader.

Quanto guadagna chi fa trading online

I trader online che operano su broker sicuri hanno la possibilità di ottenere ottimi risultati anche con piccoli investimenti. In molti si domandano quanto sia possibile guadagnare, ma naturalmente ciò dipende da diversi fattori come l’esperienza e la conoscenza dei vari mercati. Questa è una professione che non richiede una grande organizzazione inziale poiché, per iniziare, bastano un computer e una connessione Internet. In molti falliscono subito poiché decidono di fare forti investimenti senza conoscere bene il settore e senza pianificare in maniera adeguata le proprie mosse.

È anche vero che non esistono sistemi efficienti al 100% e che non ci si può arricchire investendo poche centinaia di euro, ma questo può diventare un primo capitale di partenza con il quale iniziare. I dati dimostrano, comunque, che i trader indipendenti hanno buoni ricavi, nonostante in pochi siano diventati ricchi con i loro investimenti: qualcuno c’è riuscito e altri hanno ottenuto risultati straordinari.

In genere è possibile anche ottenere un guadagno di 20 mila euro al mese, ma va considerato che circa il 90% degli investimenti non va a buon fine. E per guadagnare queste cifre bisogna investire somme che superano i 2000 euro, e affidarsi anche alla leva finanziaria. Per questo, chi riesce a guadagnare con il trading online può fare di questa attività una vera e propria professione, ma è necessario attendere mesi, e talvolta anni, per costruire un portafoglio di prodotti finanziari prolifici. Ciò richiede perseveranza e costanza, ma i risultati si traducono in investimenti di successo, che possono arricchire chi li possiede o comunque generare un profitto di centinaia di migliaia di euro.

TransitionsTrading è un portale con focus sul settore finanziario. Grazie a un’ampia serie di strumenti e guide messe a disposizione sia del trader principiante che di quello professionista, sia per operatori online che offline, permette di accrescere esperienza e pratica in un settore tanto delicato quanto affascinante.

Per informazioni:

Agenzia marketing:https://www.wolfagency.it/

e-mail:[email protected]

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media