Cerca

sicilia

Palermo: architetti e ingegneri contro stazione Politeama, 'stop a lavori'

8 Marzo 2018

0

Palermo, 8 mar. (AdnKronos) - Un progetto "mortificante dal punto di vista architettonico, urbanistico e ambientale" che prevede "lo sventramento" di piazza Castelnuovo e che "fa temere danni" ai suoi monumenti e alle sue "pregiate e insostituibili alberature". E' una bocciatura senza appello quella che 125 architetti, 50 allievi architetti, 15 associazioni, 100 docenti, professionisti e studiosi e semplici cittadini fanno della stazione Politeama dell’anello ferroviario. I rilievi mossi sono contenuti in un una lettera appello inviata al sindaco, Leoluca Orlando, e all'assessore alla Rigenerazione urbanistica e urbana, Emilio Arcuri. Nella missiva i firmatari chiedono all'Amministrazione comunale "una pausa di riflessione" sul progetto, "concentrando risorse umane, di mezzi ed economiche sui cantieri già aperti".

Per il cartello di professionisti, studiosi e semplici cittadini, infatti, è "inaccettabile" l'apertura di un nuovo cantiere dell'anello ferroviario in pieno centro nonostante "l'Amministrazione comunale non riesca a far avanzare i lavori in via Amari, in viale Lazio, in via Sicilia", dove le opere sono compiute, denunciano, solo al 15-20 per cento. Altrettanto "inaccettabile" è l'attuale progetto della Tecnis, l'impresa esecutrice, per una stazione, quella appunto del Politeama, che "si vuole realizzare nella piazza più rappresentativa e più frequentata della città, che annovera, tra le altre - ricordano i firmatari della lettera appello - opere ed edifici a firma di architetti e artisti rinomati, quali Damiani-Almeyda, Basile, Valenti, Rutelli, Caronia Roberti". Ma c'è di più. La contrarietà al progetto nasce anche dal timore di danni ai monumenti della piazza, dal teatro Politeama al chiosco Basile, dalla statua di Carlo Cottone al Palchetto della musica.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media