Cerca

cronaca

Truffa a Guzzanti, ex manager condannato a 3 anni

Sentenza

Il tribunale di Roma ha disposto una provvisionale immediatamente esecutiva di 500mila euro in favore dell’attore

11 Dicembre 2019

0
Truffa a Guzzanti, ex manager condannato a 3 anni
Il tribunale di Roma ha disposto una provvisionale immediatamente esecutiva di 500mila euro in favore dell’attore

Roma, 11 dic. (Adnkronos) - Ha truffato l’attore comico Corrado Guzzantifacendolo ritrovare con un debito col fisco da 900mila euro. Il tribunale di Roma ha condannato il produttore del 'Gruppo Ambra' Valerio Terenzio Trigona a 3 anni. Assolto invece, per "non avere commesso il fatto", Cesare Vecchio, collaboratore di Trigona. Il tribunale ha, inoltre, disposto una provvisionale immediatamente esecutiva di 500mila euro in favore dell’attore. Per entrambi l’accusa aveva chiesto una condanna a due anni.

Il manager, tra il 2004 e il 2013, avrebbe raggirato Guzzanti convincendolo a investire denaro in titoli tedeschi che, però, non sono mai esistiti. L’agente, inoltre, era incaricato di pagare le tasse per conto di Guzzanti ma non lo ha mai fatto, tanto che alla fine l’attore si è trovato con un debito da 900mila euro con il Fisco.

"Sono contento di potermi mettere finalmente questa storia alle spalle e riprendere, un po’ zoppicando, il mio percorso professionale" ha commentato Guzzanti, difeso dall’avvocato Giuseppe Rosso De Vita. "E’ una soddisfazione morale, non fosse altro per scoraggiare comportamenti simili perché molti altri miei colleghi, che non hanno denunciato, sono stati truffati da commercialisti e manager", ha concluso Guzzanti.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Luigi Di Maio, dopo l'addio l'abbraccio con Vito Crimi: "Buona fortuna"

Dimissioni Di Maio, Giuseppe Conte: "Luigi tirato per la giacchetta, rispetterò decisione ma mi dispiacerà"
Matteo Renzi spinge Conte verso la crisi: "Prescrizione, la sua proposta è anticostituzionale"
Matteo Salvini, blitz elettorale a Bologna. Citofona al tunisino: "Lei spaccia?", e il Pd lo insulta

media