Cerca

Rivive la Fornero

Pensioni, il piano Pd per tagliare Quota 100: le mani sugli assegni, chi dovrà restare a lavoro

2 Settembre 2019

0
Pensioni, il piano Pd per tagliare Quota 100: le mani sugli assegni, chi dovrà restare a lavoro

Meglio sterilizzare l'aumento Iva che "salvare" Quota 100. Saranno le pensioni il primo punto da modificare nel programma di Pd e M5s, per ragioni di prospettiva futura (l'anticipo dell'uscita dal lavoro creerà scompensi economici tra qualche decennio) e immediata (servono fondi per la finanziaria d'autunno).
 



Secondo Repubblica, il Pd studia la "modifica, non l'abolizione" della riforma pensionistica voluta da Matteo Salvini per superare la sciagurata legge Fornero. "Uno stop improvviso creerebbe gravi disparità tra lavoratori in condizioni simili, e potrebbe persino generare situazioni analoghe a quelle degli esodati", si legge. L'ipotesi più plausibile è dunque quella di stoppare la riforma tra un anno. "I destinatari di Quota 100 - è il ragionamento di Marco Leonardi, ex consigliere economico del governo Gentiloni - godono di un beneficio di circa 40mila euro, molto consistente. Certo non si può pensare di revocare la misura a chi ha già acquisito il diritto, anche se non l'ha ancora esercitato, o a chi ha già stipulato patti con l'azienda, ma pensare a una conclusione anticipata della misura significherebbe reperire 4 miliardi intervenendo su una platea molto ridotta, non più di 100-150 mila persone, a fronte di un intervento sull'Iva che, per quanto selettivo, sarebbe comunque regressivo, e colpirebbe fino a 40 milioni di persone".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Giorgia Meloni ad Atreju: "Matteo Renzi è campione mondiale di faccia di bronzo"

Scontri tra black bloc, gilet gialli e polizia alla marcia per il clima a Parigi, fiamme sugli Champs-Elysées
Matteo Salvini, chiesta archiviazione per la Gregoretti: "Vediamo se il tribunale dei ministri ribalta tutto"
Clima, Greta Thunberg all'Onu: "Noi giovani uniti e inarrestabili" 

media