Follie religiose

Il sultano del Brunei vieta il Natale per legge: cinque anni di carcere a chi festeggia

22 Dicembre 2015

6
Il sultano del Brunei vieta il Natale per legge: cinque anni di carcere a chi festeggia

 Cinque anni di carcere a chi festeggia il Natale. E’ la decisione del sultano del Bunei Hassnal Bolkian che vuole il rispetto della legge coronica: “Niente decori natalizi”. Nel 2014 il sultano ha reintrodotto la sharia e lo scorso gennaio aveva annunciato che avrebbe bandito i festeggiamenti nel 2015. Secondo quanto scrive il Daily Telegraph il 25 dicembre i cittadini non potranno "indossare simboli come croci, accendere candele, addobbare alberi di Natale, cantare inni religiosi o mandare auguri, montare decorazioni". Chi non è musulmano deve chiedere il permesso alle autorità per festeggiare il Santo Natale. Nel Brunei il 65% della popolazione è di religione islamica e il ministro degli Affari Religiosi del Bunei ha spiegato che il divieto di festeggiare il Natale è un “modo per preservare il credo della comunità musulmana”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • buonavolonta

    02 Gennaio 2016 - 09:47

    ahhh perooo.... solo noi nascondiamo i presepi per non offendere gli islamici li se tiri fuori l'albero di natale o una candela ti tagliano la mano le leggi sono a senso unico non sarà che il credo cristiano con il suo buonismo e misericordia sta su le palle a islamici che non sono per nulla moderati

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    23 Dicembre 2015 - 19:10

    Ottimo per il petrolio. Cospageteglielo addosso. Cerinoooo

    Report

    Rispondi

  • Paolo1946

    23 Dicembre 2015 - 08:49

    Che schifo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

"Ecco chi sono i veri sciacalli". Coronavirus, Bechis inchioda Conte & Co: il video clamoroso

Coronavirus, la risposta dei ragazzi veneti alla giornalista: "Paura? No, noi abbiamo l'alcol. Ci proteggerà"
Coronavirus, l'annuncio di Attilio Fontana: a quanto sono arrivati gli infetti in Lombardia
Coronavirus, l'allarme del professore Ippolito: "È una guerra che vogliamo combattere"

media