Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ong Proactivia Open Arms, la giornalista tedesca smentisce: "Non ho visto corpi in mare, ero sulla barca"

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Alla vigilia, le terrificanti accuse della Ong Proactivia Open Arms: "L'Italia arruola assassini libici". Questo perché, accusavano, la Guardia Costiera avrebbe fatto morire in mare una donna e il suo bimbo, lasciando affondare una barca. Accuse durissime bollate come "fake-news" dal Viminale e da Matteo Salvini. "Per quanto tempo avremo a che fare con gli assassini arruolati dal governo italiano per uccidere?", ha tuonato il fondatore di Proactivia, Oscar Camps. A distanza di ore, però, emergono dettagli decisivi per inquadrare la vicenda. Ci sono infatti due testimoni, una giornalista tedesca e un freelance libico, il cui racconto contraddice quello della Ong: "In mare - sostengono - non c'erano corpi". La donna si trovava proprio a bordo della nave della Proactivia nel momento dei soccorsi a Josephine, la camerunense salvata dopo lunghe ore in acqua. Insomma, ha visto cosa è accaduto e nega con fermezza la ricostruzione di Camps, lasciando intendere che quella da lui fornita sarebbe una pura invenzione finalizzata a strumentalizzare l'intera vicenda. Leggi anche: "Ti eccita vedere i bimbi morire": Saviano, orrore contro Salvini I dubbi, però, avevano iniziato a moltiplicarsi alla viglia. Una giornalista di Internazionale, Annalisa Camilli, in un articolo riportava ciò che aveva affermato il portavoce di Proactivia, Riccado Gatti, ovvero che l'ipotesi è che "i libici siano intervenuti" nel naufragio di due gommoni, tra cui quello in questione, "ma non riusciamo a spiegarci cosa sia successo perché abbiamo trovato i resti di un gommone affondato, due morti e un sopravvissuto". E si chiedeva: "Chi ha distrutto i gommoni?". Una versione ben diversa da quella fornita da Camps, che senza indugi ha accusato la guardia costiera libica. Una versione che, tanto per fare un nome a caso, Roberto Saviano con discreta approssimazione non citerà né prenderà in considerazione: quel che conta, per lui e per molti altri, è poter accusare Salvini, dargli dell'assassino.

Dai blog