Cerca

Thriller

Germania, gli strani suicidi con la balestra dentro la setta: il sospetto sessuale sul santone

16 Maggio 2019

0
Sesso estremo, suicidi e un "santone": mistero fitto. Cosa c'è dietro al "caso della balestra"

Un gruppo di persone "ossessionate" dal Medioevo e accomunate dalla passione per il sesso estremo. Il misterioso massacro della balestra in Germania ruota su questo. È il caso di cinque vittime che – riferisce il Daily Mail – ha sconcertato la polizia e sembra aver terrorizzato (ma anche incuriosito) la nazione. 

Il caso ruota finora intorno alla figura di Farina Caspari, 30 anni, che è stata l’ultima a suicidarsi puntando una balestra su se stessa e sparandosi una freccia al collo, e Torsten Weiss, 53, che è stato descritto come una figura dominante che trattava le donne "come schiave e gestiva un negozio a tema medievale pieno di armi, bandiere dei Templari e un manichino cosparso di sangue sul bancone".

Sembra che Weiss abbia controllato le quattro donne come uno spietato leader di setta, facendo ricorso alla forza fisica e alla manipolazione psicologica, hanno scritto Bild e Rtl. Gli inquirenti sospettano che fossero tutti membri di una sorta di setta sessuale con un occhio di riguardo per il Medioevo. "Torsten Weiss potrebbe essere stato il guru del gruppo", ha riferito in un servizio Rtl, che ha intervistato diverse persone che conoscevano il gruppo.
 
Caspari lavorava in un forno ed era legata tramite unione civile con un’altra «vittima» donna. Le altre persone che hanno perso la vita erano state isolate dalle rispettive famiglie e sembravano essere finite sotto l’influenza di Weiss, trovato morto per una ferita da balestra in una piccola pensione di Passau, nel sud della Germania. Si teneva per mano con Kerstin Enders, 33 anni, a sua volta colpita al cuore da un dardo. Il corpo di Farina era insieme con i loro. Altre due vittime – la compagna di Farina, la 35enne Gertrud C., e la 19enne Carina U. – sono state ritrovate 650 chilometri più a nord, due giorni dopo, nell’appartamento di Farina a Wittingen.

Un caso intricato che sembra uscito dalla penna di qualche giallista sadico. Il "tocco" esoterico aumenta la curiosità.   Più dettagli emergono nel «giallo della balestra» che sta tenendo la Germania con il fiato sospeso, più il mistero dipanatosi tra la città bavarese di Passau e una località della Bassa Sassonia, Wittingen, s’infittisce. Un conoscente di Thorsten ha raccontato alla Bild che le tre donne avevano un atteggiamento di  sottomissione nei confronti dell’uomo: «Lui viveva con tre donne. Cercavano il suo aiuto, perché non erano capaci di mettere ordine nelle loro vite». Sempre a detta del tabloid, Thorsten avrebbe conosciuto le tre in una scuola di sport di lotta.

Non solo non si sa perché i tre abbiano scelto proprio Passau per uccidersi, ma gli inquirenti non sono riusciti neanche a darsi una risposta su come siano morte le due donne a Wittingen: non si sono trovate tracce di lotta, né sono stati rinvenute frecce o similari.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

"So cosa ha passato". Grossman da Fazio, si commuove per Liliana Segre

Dear Jack, il cane del chitarrista canta meglio del cantante / Video
Andrea Orlando, dal Pd ultimatum a Di Maio: "O fai sul serio o lasciamo perdere"
Gilet Gialli, caos a Parigi: assaltata una banca in occasione dell'anniversario dell'inizio della protesta

media