Cerca

maggioranza europeista

Ursula von der Leyen umilia l'Italia: "Non vi ho promesso nulla", cosa perdiamo grazie al M5s

23 Luglio 2019

3
Ursula Von der Leyen all'Italia: "Mai fatte promesse sulla poltrona di commissario alla Concorrenza Ue"

"Sono stati formulati auspici, ma non può esser fatta nessuna promessa fino a quando tutto lo schema non sarà completato". Ursula Von der Leyen sembra avvalorare la tesi per cui l'Italia non avrà un posto in Commissione. In un'intervista a der Spiegel, la neo presidente nega infatti di aver promesso poltrone in Commissione o finanziari nei prossimi bilanci pluriennali dell'Unione ai governi di Polonia, Ungheria e del nostro Paese per assicurarsene i voti al Parlamento europeo così da essere eletta presidente della Commissione. Dal nostro Paese, lo si ricorda, i voti decisivi per l'elezione sono arrivati dal M5s: un caso politico che la scorsa settimana aveva portato il governo gialloverde sull'orlo del collasso.

L'esecutivo italiano - chiarisce Il Messaggero - si attende la delega alla Concorrenza e Giuseppe Conte lo ha ripetuto più volte, ma incastrare competenze e deleghe, rispettando il criterio del peso di ciascuno Paese, è complicato. La dichiarazione della Von der Leyen non è però piaciuta a Matteo Salvini che non solo ha deciso all'ultimo di non votarla, ma che dimostra di essere scettico sul suo operato: "Non ho mai avuto il piacere di parlare con la presidente della Commissione europea, non penso e spero che non abbia pregiudizi politici. Se devo fare un esempio il gruppo dei Verdi, che le ha votato contro, ha rivendicato 4 commissari. Che all'Italia spetti un commissario importante è nei fatti, sarebbe triste agire contro un popolo per scelte politiche fatte a tavolino".

Intanto l'Italia ha preso tempo e non ha ancora indicato il nome del possibile commissario, da riferire comunque entro fine agosto. "Io non ho mai sentito promesse fatte a nessuno, non lo so, non ho rapporti con lei, non so che promesse abbia fatto ad altri", interviene un po' impaurito il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, interpellato ieri a Istanbul dall'Ansa. Resta il fatto che l'isolamento della Lega in Europa non aiuta neppure Conte a spuntare una delega di rilievo, anche perché tutti i commissari dovranno poi superare il giudizio dell'aula dove vige una maggioranza europeista che ha già negato al gruppo della destra, composto dal Carroccio e dagli europarlamentari di Marine Le Pen, la presidenza delle commissioni.
Svanita così la candidatura del sottosegretario Giancarlo Giorgetti, Salvini è ora alle prese con un'ardua ricerca della figura di centrodestra idonea alla poltrona. Un tecnico, più che un politico, sarebbe questa la volontà del vicepremier, pronto a scavalcare la contrarietà del Movimento 5 Stelle. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • swiller

    23 Luglio 2019 - 21:09

    Un'altra nazzista in Europa.

    Report

    Rispondi

  • FraBru

    23 Luglio 2019 - 19:07

    Io le credo: come tutti gli italioti badogliani i cinquestalle si sono messivigliaccamente al servizio, solo per ingraziarsi il nemico, non dopo aver trattato.

    Report

    Rispondi

  • gig50

    23 Luglio 2019 - 17:05

    andato via spugna dobbiamo subirci questa von der caz,,, usciamo da questo schifo di inutile europa, vogliamo il referendum.

    Report

    Rispondi

Ondata di caldo, Venezia tra le città più afose d'Italia

Open Arms, la portavoce Ue Mock: "Sei paesi disponibili ad accogliere i migranti"
Nadia Toffa, piazza del Duomo di Brescia celebra i funerali della conduttrice
Matteo Salvini, frecciatina a Pd e M5s: "Noi non abbiamo paura di perdere la poltrona"

media