Cerca

esteri

Hong Kong, polizia schiera cannoni ad acqua e blindati

Proseguono le manifestazioni di protesta. Un agente di polizia colpito alla gamba da una freccia

17 Novembre 2019

0
Hong Kong, polizia schiera cannoni ad acqua e blindati
Proseguono le manifestazioni di protesta. Un agente di polizia colpito alla gamba da una freccia

Hong Kong, 17 nov. (Adnkronos/Xinhua) - Proseguono le manifestazioni di protesta a Hong Kong con episodi di grave violenza. Un agente di polizia è stato colpito alla gamba da una freccia lanciata dai manifestanti, mentre le tensioni continuano a intensificarsi su una strada fuori dal Politecnico di Hong Kong, dove stamattina sono stati lanciati gas lacrimogeni e bombe a benzina. La polizia ha schierato cannoni ad acqua e veicoli blindati, che hanno spinto e disperso i dimostranti nel campus. Sul tetto dell'università sono stati visti manifestanti sparare frecce e usare catapulte con proiettili fiammeggianti in direzione delle forze di polizia. Il poliziotto ferito, secondo quanto ha comunicato la stessa polizia di Hong Kong, è un ufficiale di quelli in prima linea con i giubbotti blu schierati a protezione dei giornalisti.

Anche domani le scuole resteranno chiuse a Hong Kong per motivi di sicurezza. Lo ha deciso l'ufficio di Istruzione del governo di Hong Kong, annunciando in una nota che le lezioni nelle scuole materne, elementari, medie e nelle scuole speciali dovrebbero riprendere martedì se le circostanze lo consentiranno. Sebbene i servizi di trasporto pubblico siano gradualmente ripresi, sussistono ancora incertezze per domani. Le scuole di Hong Kong sono rimaste chiuse da giovedì scorso a causa delle violente manifestazioni che hanno causato il caos in tutta la regione e paralizzato il traffico.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Sergio Mattarella alla Prima della Scala, un curioso video da dietro le quinte

Maria Giovanna Maglie, Stasera Italia
C'è un pinocchio e un grande Mes, scopriteli su Camera con Vista
Matteo Salvini allontana i giornalisti dallo stand della Lega: "Tanto scrivono quello che vogliono"

media