Cerca

Intercettazioni, Alfano:

il governo andrà avanti

4 Luglio 2009

10
Intercettazioni, Alfano:

Nessun stop da parte del governo, ma il testo sulle intercettazioni non è “immodificabile”. Il ministro della Giustizia Angelino Alfano è tornato a parlare del disegno di legge che prevede di modificare la regolamentazione e l’uso della intercettazioni telefoniche, aggiungendo che "nessuno aveva mai parlato di porre la fiducia al Senato" o di un "percorso a rotta di collo" a palazzo Madama.
"Per quanto ci riguarda - spiega il Guardasigilli - il governo sarà presente martedì al Senato a sostenere un ddl nel quale crede e che confida possa essere approvato in tempi rapidi e al contempo compatibili con le esigenze di approfondimento che la Commissione Giustizia e l'Aula del Senato riterranno opportune dopo che il testo è stato per un anno alla valutazione della Camera".
Alfano annuncia che sul provvedimento non sarà posta la fiducia in Senato come invece avvenne alla Camera. "Nessuno aveva mai parlato di immodificabilità del ddl - spiega il ministro - ma sempre e solo di un impianto capace di essere sostenuto anche al Senato". Quanto all'incontro avuto ieri con Napolitano, il ministro rileva che "il presidente della Repubblica non ha espresso giudizi nel merito della norma".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francogiglio

    05 Gennaio 2010 - 21:09

    Magari pubblichiamo sui giornali tutte le foto dei padri di famiglia ché vanno a puttane e alle mogli li diamo la possibilità di scrivere sulle bacheche in Ditta, quante volte ai mariti non gli é andato su il azzo. Che ne dite? LIBERTÀ DI STAMPA! Ma ché azzo di sinistra è questa?

    Report

    Rispondi

  • Indietrotutta

    07 Luglio 2009 - 21:09

    per cortesia mi indicherebbe qualcuna delle decine di migliaia di persone ingiustamente rovinate dalle intrecettazioni? E visto che Lei è cosi informato mi sa indicare il numero dei delinquenti giustamente rovinati dalle intecettazioni? Mi permetta un'ultima domanda: secondo Lei la drastica limitazione delle intercettazioni favorirà le persone oneste o i delinquenti? La ringrazio anticipatamente per l'attenzione e per le risposte.

    Report

    Rispondi

  • antari

    07 Luglio 2009 - 14:02

    ma sa anche che il presidente deve controllarla DOPO che passa al senato, non PRIMA. C'e' una bella differenza, credo sia chiaro a tutti. Sempre a provocare tu, eh :)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media