Cerca

Silvio boccia il partito del Sud

"E' inaccettabile"

30 Luglio 2009

12
Silvio boccia il partito del Sud
Silvio Berlusconi e Stefania Prestigiacomo, ministro dell’Ambiente, si sono incontrati a Palazzo Grazioli in quello che è stata descritto come un colloquio “lungo, cordiale e chiarificatore”. È solo l’ultimo capitolo del dibattito legato al Partito del Sud e si è trattato anche di un appuntamento resosi necessario dopo che il ministro del Pdl aveva spiegato di non essere stata invitata al vertice di ieri a via del Plebiscito sul Mezzogiorno.
Garanzie - La Prestigiacomo ha ricevuto garanzie sul fatto che l'articolo 4 del ddl anticrisi, caldamente osteggiato dallo stesso ministro dell'Ambiente, sarà modificato, presumibilmente nel decreto 'correttivo’ che il Consiglio dei ministri dovrebbe varare nella riunione di domani. Nel corso dell'incontro sono stati numerosi i temi toccati, ma su tutti ha prevalso l'azione che il governo vuole svolgere nelle aree del meridione. Entrambi hanno convenuto sull'importanza dello sblocco dei fondi Fas per la Sicilia anche in considerazione del fatto che l'isola è stata l'unica ad aver presentato progetti che consentano di investire le risorse a disposizione.
L'incontro con i fedeli - A Palazzo Grazioli hanno fatto visita anche alcuni rappresentanti politici dell’isola: parlamentari e amministratori che hanno voluto ribadire che non c’è spazio per un nuovo movimento politico, i cosiddetti “lealisti”. Tema centrale dell’incontro erano i fondi che “saranno destinati soltanto a progetti precisi e già definiti”, come hanno comunicato da Palazzo Grazioli.
Alla riunione hanno partecipato una trentina di parlamentari siciliani. “Mancavano quelli che hanno posto un ricatto, visto che non hanno votato la fiducia sul decreto legge anti-crisi alla Camera”, ha detto il senatore Antonio D'Alì. Nel corso della riunione - ha riferito il senatore Domenico Nania - si è parlato anche “dell'emergenza rifiuti in Sicilia che potrebbe aggravarsi come in Campania”.
I “lealisti” hanno apprezzato, secondo fonti del Pdl, lo sforzo profuso dal premier per risolvere la questione meridionale e hanno quindi fornito al presidente del Consiglio la piena adesione all'azione politica sua e del governo in particolare sul fronte degli impegni per il Mezzogiorno.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allanemadapalla

    31 Luglio 2009 - 18:06

    #Agmenquadratus# Siamo stti fregati tutti: meridionali e settentrionali da quei figli de 'na mignotta di Gladston e Palmerston. E dalla massoneria anglo-francese. Dai "saboja", da "cavourro" e da "garubaldu". La distruzione del Regno delle due Sicilie ha provocato: 1] la morte diretta per operazioni belliche, indiretta pr rappresaglie e detenzioni ed infine presunta, perchè di centinaia di migliaia di "Duosiciliani" non s'è trovata più traccia; la morte dicevo, di almeno 1.200.000 meridionali. 2] L'emigrazione di 4,5 milioni di persone (dato anteguerra 15/18). 3] Danni diretti ed indiretti rivalutati attuarialmente in 500 miliardi di EURO (=968.135 miliardi di vecchie lire) Caro "agmen ecc." crede proprio che con cifre di questa portata basta dire "lavorate di più e non dite cazzate"? Non credo. Hanno fatto del Regno delle due sicilie una "colonia interna" da sottoporre a sfruttamento di rapina. Adesso e da diverso tempo la "colonia" non rende più ed i danni sono nostri. Di noi meridionali e di voi settentrionali di quarta quinta generazione. Ci siete anche voi settentrionali nell'insufficienza civile, politica ed economica del Meridione. Scarpe e tutto. Vi "piaceresse" tirarvene fuori! Perchè non richiamate i Borbone e ve ne andate? Al Sud avete rotto li coglioni anche troppo: 149 anni

    Report

    Rispondi

  • gordo

    31 Luglio 2009 - 15:03

    siete proprio dei BUBBONI(buffoni)

    Report

    Rispondi

  • gordo

    31 Luglio 2009 - 15:03

    Andè a chapaa di ratt!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media