Cerca

Bari, al via le indagini

sui patrimoni dei partiti

31 Luglio 2009

4
Bari, al via le indagini
L’inchiesta sulla sanità pugliese che ha sconvolto il centrosinistra prosegue: dopo l'acquisizione di bilanci e della documentazione bancaria nelle sedi baresi di Pd, Socialisti Autonomisti, Lista Emiliano, Sinistra e Libertà e Prc, ecco che sono cominciati anche gli accertamenti patrimoniali degli indagati coinvolti nell'indagine. Tra i 15 c'è anche Alberto Tedesco, ex assessore regionale, e ora senatore tra le fila del Pd. Poi imprenditori, direttori generali delle Asl pugliesi, funzionari regionali
Gli accertamenti sono stati disposti dal pm inquirente, Desirè Digeronimo, che ha iscritto da tempo nel registro degli indagati i nomi di una quindicina di persone per i reati di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione, concussione, falso, truffa, abuso d'ufficio e voto di scambio.
Per alcuni reati, e nei confronti di alcuni indagati, il magistrato ipotizza l'aggravante di aver favorito un'associazione di tipo camorristico-mafiosa che opera a Bari. Con l'acquisizione dei bilanci dei partiti e della documentazione bancaria, il pm vuole verificare l'ipotesi di illecito finanziamento pubblico ai partiti, che sembra emergere da alcune intercettazioni telefoniche.
Il sospetto, ancora da verificare, è che diversi imprenditori abbiano ottenuto appalti nel settore sanitario da amministrazioni del centrosinistra pugliese e abbiano poi girato parte delle somme ai partiti, finanziandoli.
Le reazioni di Vendola - Intanto il governatore Nichi Vendola prova a calmare le acque. Su Alberto Tedesco, l’ex assessore alla Sanità ora senatore per il Pd, ha detto: "C'è un'indagine che riguarda un mio ex-assessore, che si è dimesso prima di essere indagato, per la quale c'è il massimo rispetto. C'è stato uno sviluppo della trama accusatoria”. Vendola ha espresso dubbi anche sulle motivazioni delle indagini: “Si ipotizza il finanziamento illecito dei partiti, coltivato in centinaia di inchieste in ogni parte di Italia. È un'ipotesi che io considero azzardata perché assume l'intero centrosinistra come oggetto di indagine. C'è stata una spettacolare operazione di reperimento dei bilanci – ha sottolineato il presidente della Regione - che essendo atti pubblici, si potevano trovare su internet. L'indagine chiama in causa i partiti, non singoli comportamenti".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Indietrotutta

    04 Agosto 2009 - 13:01

    a giorni alterni. Non capisco come mai nessuno parli di complotto giudiziario, di toghe rosse, di lotta politica della magistraura per cambiare l'esito delle elezioni. Dimenticavo questo vale solo se si idaga su Silvio o su esponenti del PDL. Se Azzurro70 invoca il carcere per Max (immagino D'Alema) non oso immaginare cosa invocherebbe per Berlusconi o dell'Utri.

    Report

    Rispondi

  • coccodrillo

    03 Agosto 2009 - 19:07

    si sono diversi sono molto più peggiori assai (lo so che grammaticamente è scritto sbagliato) è l'unico modo di definirli Desirè dacci dentro a tutta forza e facci sognare metterli dentro e buttate le chiave specialmente quelle di baffino max

    Report

    Rispondi

  • gedeonelibero.it

    01 Agosto 2009 - 16:04

    Il "soviet" del corriere della sera ha colpito ancora! Avevano aperto un blog sui fatti della puglia che coinvolgono la sx ma, visto che i commenti erano tutti contro i DS, dello stesso non vi è più traccia. Evviva la libertà di espressione targata corriere!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media