Cerca

Le 10 domande di Repubblica

Silvio: ad altri giornali risponderei

1 Settembre 2009

16
Le 10 domande di Repubblica
Alle dieci domande non risponde. Perché "Repubblica è un super partito politico di un editore svizzero e con un direttore dichiaratamente evasore fiscale". Parola di Silvio Berlusconi. "Non ho risposto alle 10 domande", ha spiegato il premier, "non perché non possa rispondere o abbia difficoltà a farlo, ma perchè vengono da un giornale così". E sempre da Danzica il Cavaliere parla anche del caso Boffo: "Io non entro in questa cosa e non voglio parlarne, sapete che da me non è mai venuta una parola offensiva né un giudizio bacchettone: mi mantengo su questa linea di condotta".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Indietrotutta

    04 Settembre 2009 - 15:03

    se Lei avesse letto gli atti del processo SME non scriverebbe ciò che ha sritto.

    Report

    Rispondi

  • gedeonelibero.it

    03 Settembre 2009 - 15:03

    Sinistri, pensate ai vostri abominevoli politicanti ed ai tanti guai giudiziari che hanno. Cari sinistri sinistrati avete gia dimenticato la puglia, la toscana, l'abruzzo,la campania, la calabria??? Eppure colà le inchieste sono ancora in corso e penso che ne vedremo delle belle! Sembra cari sinistri sinistrati, che abbiano perfino riaperto il caso SME, quello per intenderci dove il vostro vate mortadella ha tentato di regalarla al vostro editore di riferimento. Spero ci sia un Giudice a Berlino. Sono seduto sulla sponda del fiume e aspetto le vostre...spoglie in transito.

    Report

    Rispondi

  • Indietrotutta

    03 Settembre 2009 - 11:11

    Le esprimo la mia solidarietà per gli insulti che Le rivolge Lillois a cui devo riconoscere il merito di aver capito tutto. Ha ragione infatti nel dire che Berlusconi non può finire in galera. Il Premier, a differenza dei comuni mortali, è al di sopra della legge. Non può essere processato per tutta la durata del mandato, salvo ulteriori proroghe. Se un reato lo riguarda se lo depenalizza oppure si accorcia la prescrizione, oppure grazie ai suoi avvocati-deputati modifica le leggi in corso d'opera. E tutto questo tra il plauso di quanti, come Lillois, capiscono tutto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media