Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Milano, 25 aprile: gli antagonisti cacciano dal corteo la Brigata Ebraica

Andrea Tempestini
  • a
  • a
  • a

Momenti di ordinario razzismo al 25 aprile. Al grido di "sionisti, carogne, tornate nelle fogne" nonché "assassini fuori dal corteo", i "compagni" hanno cacciato la brigata ebraica dal corteo milanese. Protagonisti dell'assalto sono stati alcune decine di militanti dei movimenti per la liberazione della Palestina. I manifestanti filo-palestinesi, tenuti a distanza da un cordone di poliziotti in tenuta anti-sommossa, hanno inveito contro gli ebrei che sfilavano pacificamente tra la gente. "Fuori i sionisti dal corteo", invocazioni all'intifada, "assassini fuori dal corteo": questi gli slogan urlati, fino a quando la brigata, per sdegno, ha abbandonato la sfilata. Prima della manifestazione Eyal Mizrahi, presidente dell'associazione Amici di Israele, aveva dichiarato: "Abbiamo deciso di togliere dal corteo le bandiere dello Stato di Israele per evitare di prestare il fianco a inutili pretesti e tensioni, anche se storicamente la Brigata Ebraica ha sempre sfilato anche con la bandiere di Israele. Quest'anno abbiamo stampato dei nuovi vessilli con il logo (bandiera a strisce verticali azzurra e bianca con la stella di David in giallo, ndr) della Brigata Ebraica". E ancora: "Ringraziamo il Partito Democratico - ha proseguito Mizrahi - perché quest'anno proprio per le polemiche che si sono scatenate ha deciso di sfilare gomito a gomito con noi nel corteo". Ma le parole non sono bastate: un gruppo di antagonisti vicini al centro sociale Vittoria, in piazza San Babila, hanno inscenato una protesta contro la partecipazione al corteo nazionale per il 70esimo della Liberazione della Brigata ebraica.

Dai blog