Cerca

Aveva 84 anni

Stefano Delle Chiaie, morto l'uomo-chiave del Neofascismo. Bologna, Piazza Fontana, stragi, Cia: i misteri

10 Settembre 2019

2
Stefano Delle Chiaie, morto l'uomo-chiave del Neofascismo. Bologna, Piazza Fontana, stragi, Cia: i misteri

È morto la notte scorsa a Roma Stefano Delle Chiaie, 82 anni, esponente della Destra radicale, già nel Movimento Sociale Italiano e fondatore di Avanguardia Nazionale, assolto per insufficienza di prove per la strage di Bologna.

Nato a Caserta nel 1936 per anni, ha vissuto per anni da latitante fino a quando il 27 marzo del 1997 a Caracas non venne catturato dalla Polizia italiana. A 14 anni, aveva aderito al Movimento Sociale Italiano per poi uscirne pochi anni dopo insieme a Pino Rauti e fondare il Centro Studi Ordine Nuovo. Nel 1962 lascia anche Rauti per fondare l'Avanguardia Nazionale Giovanile che in seguito si scioglierà con gli arresti dei suoi militanti. Nel 1965 prende parte al convegno dell'hotel Parco dei Principi dei neofascisti italiani e nel 1966 organizza la prima azione di depistaggio affiggendo manifesti che inneggiavano all'Unione Sovietica Stalinista: anni dopo affermò che si trattava di un'azione voluta dalla Cia e da ambienti anticomunisti italiani. Nel 1969 Delle Chiaie finisce nell'inchiesta su Piazza Fontana e, poco prima di testimoniare, decide di fuggire in Spagna. Nel 1974 conosce Pinochet e si trasferisce in Cile. Troverà poi rifugio in diversi paesi sudamericani dove è inseguito da un mandato di cattura per concorso in strage. Durante una di queste fughe, in Bolivia, viene ferito gravemente da agenti italiani del Sisde e della Cia. Il 27 marzo 1987, dopo 17 anni di latitanza e da 5 inseguito da mandato di cattura per associazione sovversiva, banda armata e concorso in strage Delle Chiaie si lascerà arrestare a Caracas in Venezuela dalla polizia per essere estradato in Italia.

"La prima volta che l'ho intervistato erano i primi anni Novanta - spiega Nicola Rao, giornalista e storico dell'estrema destra all'agenzia AdnKronos -. È un personaggio con una lunga storia di processi nei quali era stato coinvolto e che aveva attraversato indenne. Aveva conosciuto, incontrato tutti i grandi vecchi del neofascismo degli ultimi cinquanta anni, nel momento della cosiddetta Internazionale Nera degli anni Sessanta, Settanta, Ottanta aveva avuto un ruolo significativo. È un personaggio che ha attraversato la storia d'Italia anche nelle sue pagine più nere e misteriose, sono certo che non ci abbia raccontato tutto quello che ha visto, vissuto e fatto. Se ne va uno dei grandi vecchi del neofascismo e porta con lui anche molti misteri d'Italia". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FraBru

    10 Settembre 2019 - 18:06

    Indagato, ricercato, catturato dai servizi segreti, ferito, condannato, poi assolto... Ma tutti i brigatisti con condanne passate in giudicato, che se la spassano all'estero non li va prendere nessuno?

    Report

    Rispondi

  • Back&White

    10 Settembre 2019 - 11:11

    Finalmente!

    Report

    Rispondi

Giorgia Meloni ad Atreju: "Matteo Renzi è campione mondiale di faccia di bronzo"

Scontri tra black bloc, gilet gialli e polizia alla marcia per il clima a Parigi, fiamme sugli Champs-Elysées
Matteo Salvini, chiesta archiviazione per la Gregoretti: "Vediamo se il tribunale dei ministri ribalta tutto"
Clima, Greta Thunberg all'Onu: "Noi giovani uniti e inarrestabili" 

media