Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus: Carraro (Confindustria Veneto), 'un piano strutturale di aiuti all'economia'

default_image

  • a
  • a
  • a

Veneto, 2 mar. (Adnkronos) - Si è tenuto oggi l'incontro organizzato dalla Regione Veneto tra l'Assessore allo Sviluppo Economico Roberto Marcato e i rappresentanti delle categorie economiche. Presente al tavolo anche Confindustria Veneto e il Presidente Enrico Carraro. "Quella di oggi - ha commentato a fine incontro il Presidente Enrico Carraro - è stata una riunione operativa, in cui abbiamo portato al tavolo della Regione le istanze del sistema produttivo veneto, affinché questa se ne faccia portavoce al tavolo del Governo per la definizione delle nuove misure. Ci sono urgenze peculiari a ciascun settore, che vive questa emergenza con criticità diverse che vanno affrontate in maniera mirata. Ringraziamo l'assessore Marcato dell'immediata disponibilità ad ascoltarci e di aver gestito con cognizione di causa le tematiche economiche emerse fino a questo momento".

Prosegue Carraro: "Prendiamo atto delle misure di contenimento del contagio deliberate ieri sera dal Governo, in accordo con le Regioni, nella speranza che presto potremo misurarne gli effetti. Assieme agli aspetti sanitari è necessario predisporre un piano strutturale di aiuti all'economia, che guardi al medio-lungo periodo, perché questa crisi colpisce la nostra “reputazione paese” e non si risolverà da sola".

"Ci vengono segnalati - conclude il presidente degli industriali veneti - numerosi problemi dai nostri associati. Si tratta di preoccupazioni legittime ma siamo tutti occupati nel garantire la continuità delle nostre imprese. Le aziende venete stanno lavorando, sono attive e in grado di far fronte agli impegni presi. Questo è un messaggio che deve passare forte e chiaro. In questi giorni c'è stato un evidente rallentamento della presenza di buyer dall'estero e difficoltà rispetto alla partecipazione a fiere, ma questo non ci fermerà. I mercati internazionali conoscono l'innovazione e la qualità propria dei nostri prodotti, e dobbiamo fare ancora di più come Veneto e come Italia per non perdere quote di mercato".

Dai blog