Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nasce il manifesto orizzontale dell'ospitalità e della tavola. Federcuochi, Fipe e Università San Raffaele di Roma: l'atto di rinascita del settore enogastronomico italiano

  • a
  • a
  • a

Domani, giovedì 9 aprile, alle ore 18.00, la Federazione Italiana Cuochi (FIC) in collaborazione con Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE) e Università San Raffaele di Roma, organizzerà un Web Meeting che darà vita al Manifesto Orizzontale dell’Ospitalità e della Tavola e al quale prenderanno parte cuochi, ristoratori, esponenti delle istituzioni, dirigenti aziendali, rappresentanti di categoria e giornalisti, con l’obiettivo di fornire linee guida, suggerimenti e indicazioni alla ristorazione italiana post emergenza Covid-19, approfondendo e reinterpretando in modo nuovo i valori cardine della Convivialità, Benessere, Sensorialità, Territorio, Condivisione. 

Il Web Meeting, condotto da Alex Revelli Sorini (gastrosofo e docente dell’Università San Raffaele di Roma) sarà aperto al pubblico, che potrà partecipare collegandosi attraverso un codice d’accesso divulgato sulle pagine social della FIC (www.fic.it) domattina a partire dalle ore 10.00.  La pubblicazione ufficiale del Manifesto orizzontale dell’Ospitalità e della Tavola avverrà in occasione della Santa Pasqua, quale simbolo di “resurrezione”, di rinascita per l’intero comparto enogastronomico italiano.  

Una chiamata a raccolta fondamentale, in un momento storico importante nel quale l’intero settore ristorativo si sta facendo avanti per lanciare al Governo e alle Istituzioni appelli per la tutela dei lavoratori e la salvaguardia del presente, passato e futuro della Cucina Italiana e del Made in Italy.  L’iniziativa della Federazione Italiana Cuochi, che rappresenta la più estesa e capillare rete associativa della categoria sul territorio nazionale, intende superare ogni forma di individualismo per delineare tutti insieme i
nuovi modus operandi della ristorazione di domani. 

Ma in che modo la ristorazione italiana e l’intero comparto gastronomico nazionale potranno ripartire dopo l’emergenza Covid -19? Una domanda importante a cui Rocco Pozzulo (Presidente FIC - Federazione Italiana Cuochi), Aldo Cursano (Presidente Vicario FIPE - Federazione Italiana Pubblici Esercizi), Roberto Calugi (Direttore Generale FIPE), Teresa Bellanova (Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali), Manlio Di Stefano (Sottosegretario di Stato e Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale), Walter Ricciardi (Consigliere del Ministro della Salute, membro OMS, consigliere per le relazioni dell’Italia con gli organismi sanitari internazionali per COVID-19), Ettore Prandini (Presidente Coldiretti), Giorgio Calabrese (Presidente Comitato Nazionale Sicurezza Alimentare Ministero della Salute), gli chef stellati Enrico Crippa (Presidente Bocuse d’Or Italy Academy), Carlo Cracco (Vice Presidente Bocuse d’Or Italy Academy) e Umberto Bombana (Ottoemezzo, Hong Kong), Antonello Maietta (Presidente Associazione Italiana Sommelier), Fabio Fortuna (Rettore UnicCusano), Luigi Scardamaglia (Consigliere Delegato Filiera Italia), Francesco Guidugli (Presidente Nazionale Solidus), Gioacchino Bonsignore (Giornalista, Gastronomo TG5 Gusto), Alberto Lupini (Direttore Italia a Tavola), Antonio Giovannetti (Direttore Commerciale MARR), Elena Bacchini (Direttore Marketing Surgital), Salvatore Velotto (Ordine Tecnologi Italiani), Alessandro Circiello (Chef Rai – FIC), Salvatore Bruno (Segretario Generale FIC), Carlo Bresciani (Presidente FIC Promotion), Seby Sorbello (Federazione Italiana Cuochi), Riccardo Carnevali (Social FIC), risponderanno nel corso del web meeting di domani.

Dai blog