Cerca

Barbapapà al veleno

Riforma del Senato, Eugenio Scalfari: Renzi a Napolitano, state attenti. Dalla ghigliottina al fascismo il passo è breve

28 Luglio 2014

8
Riforma del Senato, Eugenio Scalfari: Renzi a Napolitano, state attenti. Dalla ghigliottina al fascismo il passo è breve

Se Renzi è un "pifferaio", Giorgio Napolitano rischia di passare per fascistello. O perlomeno, di favorire chi ha voglia di autoritarismo. Tra le pieghe del suo classico editoriale domenicale su Repubblica, Eugenio Scalfari regala un giudizio decisamente duro sull'operato del presidente della Repubblica. Sulla riforma del Senato e il caos a Palazzo Madama, la tesi di Barbapapà ha risvolti grillini: "Fa bene Napolitano a dichiarare che non esiste un rischio d'autoritarismo - spiega, con un pizzico di ironia -; fa bene chi si oppone al contingentamento del dibattito; fa bene chi non vuole l'ostruzionismo. Fa bene chi vede addirittura mettere un termine di calendario alla riforma del Senato: 8 agosto, a costo di non dormire neppure la notte di domenica. Fanno tutti bene ma attenti perché con tutti questi divieti, a volte chiamati ghigliottina e altre volte tagliola senza che sia chiara la differenza tra quelle due parole, l'autoritarismo rispunta inevitabilmente". Il concetto è chiaro: a costo di fare le cose in fretta, a tappe forzate, oltre a non dare garanzie sulla bontà dei risultati si rischia di avvelenare i riti e le forme della democrazia. L'autoritarismo, conclude Scalfari, rispunta "non perché qualcuno lo voglia ma perché se ne creano le condizioni. Se parla e decide solo il capo, la democrazia dov'è? Dice Renzi: ne parliamo da tre anni di queste riforme. Ma chi ne ha parlato? E di quali riforme?". E se anche Repubblica si mette di traverso, per il governo di Matteo si preannunciano tempi durissimi.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucadagenova

    29 Luglio 2014 - 08:08

    fascismo no......chiamatelo con il suo nome comunismo

    Report

    Rispondi

  • spalella

    28 Luglio 2014 - 16:04

    Delinquenti e Disonesti, Conditi con Stupidità. Renzi cerca di cambiare qualcosa, male, ma per via della democrazia Non Riesce. Tradotto : c'è un sistema di leggi e garanzie che tutelano Ladri e Disonesti e Impediscono ogni cambiamento. Si Paventa il Fascismo, che però sembra Voler Fare le cose, e lo si Condanna. Morale : le cose NON si fanno nè in un modo nè nell'altro.... FURBO, no ?

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    28 Luglio 2014 - 14:02

    A me sembra piuttosto tiri aria di comunismo. Il voto popolare è stato abolito, ovvero il mandato di presidente del consiglio lo dà Napolitiano, come nelle più classiche dittature comuniste. Poi se non fanno come dice lui, si cambia presidente, ma a decidere è sempre Napolitano.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media