Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Periscopio, gli eventi vip della settimana

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Louis Vuitton inaugura la mostra Time capsule Milan, un viaggio attraverso la storia della Maison del lusso, tra le sue pietre miliari, nel campo dell'innovazione, della tecnologia e del design. Viaggiando dal 1854 ad oggi, la storia viene raccontata mediante l'esposizione di rari e celebri oggetti, selezionati dagli archivi Louis Vuitton.La mostra Time capsule trova la sua cornice ideale nella splendida Piazzetta Reale a Milano, centro nevralgico e simbolo della cultura meneghina, celebrando così il legame con la prima città che nel 1984, trentacinque anni fa, rappresentò l'ingresso della Maison francese in Italia. La mostra sarà caratterizzata da contenuti inediti, inseriti come tributo alla città, capitale della moda e del design, e all'Italia, tra cui le più emblematiche creazioni di abbigliamento, la collezione di design Objets Nomades e lo spettacolare baule da viaggio del 1925, “Malle Milano”.Ha riaperto MEJOR Milano, l'egegante disco-restaurant situato in  via palestrina 2, una traversa di  corso Buenos Aires, in zona  Loreto.Il locale è caratterizzato dai classici tratti di arredo “newyorkese” nei quali si fondono fashion, eleganza e qualità nel gusto. Una volta che accederete al locale vi sentirete avvolti in un clima molto caldo ed accogliente che vi aiuterà a trascorrere una fantastica serata. Il MEJOR Milano è composto da più piani. Al primo piano , dove si accede al locale, con sottofondo di musica lounge si possono consumare aperitivi o cocktail,al piano inferiore è invece situato il  Ristorante ed il Club.Il ristorante del MEJOR, vi permetterà di trascorrere un momento speciale in un'atmosfera  innovativa facendovi degustare piatti sempre originali con gli appositi menù pilotati. Musica dal vivo e karaoke tutti i venerdì e sabato.Alla riapertura, il calciatore del Trapani Salvatore Aloi. Passiamo aPiero Mascitti, la storico braccio destro di Mimmo Rotella, che si candida come sindaco di Catanzaro, cittá natale sua e del maestro del décollage. Ha lanciato il movimento "Strappo alla Regola" che si prefigge molti fini sociali. Mascitti ha dichiarato che si sposerá con Anita Festa figlia di Tano Festa e nipote di Francesco Lo Savio.  Louis Vuitton presenta la mostra Time capsule Louis Vuitton è lieta di annunciare l'apertura della mostra Time capsule Milan, un viaggio attraverso la storia della Maison del lusso, tra le sue pietre miliari, nel campo dell'innovazione, della tecnologia e del design. Viaggiando dal 1854 ad oggi, la storia viene raccontata mediante l'esposizione di rari e celebri oggetti, selezionati dagli archivi Louis Vuitton.   La mostra Time capsule trova la sua cornice ideale nella splendida Piazzetta Reale a Milano, centro nevralgico e simbolo della cultura meneghina, celebrando così il legame con la prima città che nel 1984, trentacinque anni fa, rappresentò l'ingresso della Maison francese in Italia. La mostra sarà caratterizzata da contenuti inediti, inseriti come tributo alla città, capitale della moda e del design, e all'Italia, tra cui le più emblematiche creazioni di abbigliamento, la collezione di design Objets Nomades e lo spettacolare baule da viaggio del 1925, “Malle Milano”.   La mostra racconta in un percorso tematico, la storia della Maison contraddistinta da un forte spirito pioneristico sin dalla sua fondazione, 165 anni fa. Louis Vuitton infatti è stato un precursore nell'anticipare i desideri e le esigenze dei viaggiatori, assecondando l'evoluzione dei trasporti che ha accelerato gli spostamenti nel mondo. Il percorso della mostra Time capsule si apre con gli artigiani francesi della Maison che danno dimostrazione delle tradizionali abilità nella lavorazione della pelle. La mostra segue poi una cronologia visiva dei momenti più importanti della storia di Louis Vuitton, concentrandosi su quattro aspetti fondamentali: le invenzioni, il viaggio, l'arte di custodire oggetti e le icone della Maison.   Una serata esclusiva a casa Maimeri La Fondazione Maimeri ( https://www.facebook.com/fondazionemaimeri/) di Milano presenta la mostra fotografica dell'Artista Monica Silva ( www.msilva.photography/) – fotografa brasiliana di fama internazionale, grande ritrattista e versatile artista – “Sacro e Profano” in esposizione presso lo spazio M.A.C. di Milano (Piazza Tito Lucrezio Caro, 1) dal 17 al 21 Settembre 2019. In esposizione 40 opere della fotografa, da quelle più famose agli ultimi scatti inediti, tratte dai suoi famosi portraits e dai progetti “Banana Golden Pop Art” (2014), “Lux et filum – una visione contemporanea di Caravaggio” (2015), “Flower Power Series Pop Art” (2018), “Coca Cola Series” (2019) e “Sexy Pop Fruit Series” (2019). Dopo il vernissage, un'esclusiva cena a casa dei galleristi Gianni Maimeri e Silvia Basta con specialità tosnale e tanta allegria. Nella foto Silvia Basta, Andrea Dusio, curatore della mostra, e l'artista Monica Silva.   L'eleganza di Mejor Milano Ha riaperto MEJOR Milano, l'egegante disco-restaurant situato in  via palestrina 2, una traversa di  corso Buenos Aires, in zona  Loreto.Il locale è caratterizzato dai classici tratti di arredo “newyorkese” nei quali si fondono fashion, eleganza e qualità nel gusto. Una volta che accederete al locale vi sentirete avvolti in un clima molto caldo ed accogliente che vi aiuterà a trascorrere una fantastica serata. Il MEJOR Milano è composto da più piani. Al primo piano , dove si accede al locale, con sottofondo di musica lounge si possono consumare aperitivi o cocktail,al piano inferiore è invece situato il  Ristorante ed il Club. Il ristorante del MEJOR, vi permetterà di trascorrere un momento speciale in un'atmosfera  innovativa facendovi degustare piatti sempre originali con gli appositi menù pilotati. Musica dal vivo e karaoke tutti i venerdì e sabato.Alla riapertura, il calciatore del Trapani Salvatore Aloi, il primo a destra nella foto vicino al patron Paz Battaglia. Il geniale Piero Mascitti Piero Mascitti, la storico braccio destro di Mimmo Rotella, si candida come sindaco di Catanzaro, cittá natale sua e del maestro del décollage. Ha lanciato il movimento "Strappo alla Regola" che si prefigge molti fini sociali. Mascitti ha dichiarato che si sposerá con Anita Festa figlia di Tano Festa e nipote di Francesco Lo Savio.    Da CARDI GALLERY MILAN : Ha Chong-Hyun Cardi Gallery, Milano è lieta di presentare la mostra personale di Ha Chong-Hyun, uno degli artisti più apprezzati della Corea del Sud. Dal 18 settembre al 20 dicembre 2019, nella sede milanese della galleria saranno presentate opere della serie Conjunction, eseguite tra il 1972 e il 2019.   Ha Chong-Hyun è una delle personalità più importanti della storia dell'arte del dopoguerra, figura di spicco del movimento artistico coreano Dansaekhwa. Tra le privazioni materiali estreme e il sistema politico autoritario che hanno caratterizzato la Corea degli anni '60 e '70, l'artista ha esplorato il potenziale espressivo di materiali non convenzionali come carta da giornale, rottami di legno e filo spinato applicati sulla tela. Lavorando con le tonalità tenui della terra su superfici di tela e canapa, combinando tradizioni pittoriche orientali e occidentali e sfidando la delimitazione rigorosa tra scultura, pittura e performance, Ha Chong-Hyun ha contribuito a ridefinire il linguaggio della pittura.   Nel 1974 l'artista inizia a concentrarsi sulla materialità della pittura e a utilizzare la tela non solo come semplice supporto: nasce così la serie Conjunction, titolo che l'artista da quel momento dà a tutti i suoi dipinti e che descrive la filosofia da lui adottata, secondo cui la purezza del mezzo pittorico e la fisicità dell'artista si fondono, o sono congiunti, nell'atto del dipingere. In questi lavori Ha Chong-Hyun utilizza strumenti per spingere il colore a olio, monocromo, dal retro della tela grezza fino a farlo filtrare ed emergere attraverso la superficie. Successivamente, l'artista stende la vernice sul fronte della tela con il pennello o con la spatola, dando corpo a un'ampia varietà di composizioni astratte.   La mostra alla Cardi Gallery, Milano presenta una selezione di opere della serie Conjunction, sia storiche che più recenti, fino a un nucleo realizzato appositamente per l'occasione. Nei lavori esposti in galleria, la classica palette di colori neutri e blu profondi utilizzata da Ha Chong-Hyun si arricchisce di altre intense tonalità di blu, rosso e nero, il cui uso deriva dall'impegno dell'artista nell'esplorazione dei colori caratteristici degli interni coreani. Il rosso vermiglio, in particolare, rappresenta un elemento di novità, essendo entrato a far parte della pratica di Ha Chong-Hyun solo dal 2018.   Ha Chong-Hyun e gli artisti della sua generazione quali Lee Ufan, Park Seobo, Kwon Young-woo, Yun Hyong-keun e Chung Sang-hwa sono conosciuti come membri del movimento Dansaekhwa, termine che letteralmente significa "pittura monocromatica", ma che definisce tanto le tecniche impiegate quanto l'estetica riduzionista a cui il gruppo fa riferimento. La stesura della vernice, le tele imbevute, le matite trascinate, la carta strappata e i materiali manipolati che caratterizzano l'approccio di questi artisti hanno cancellato e ridefinito i confini che fino a quel momento separavano il disegno a inchiostro dalla pittura a olio, la stessa pittura dalla scultura, e l'oggetto dallo spettatore.   Questa mostra offre l'opportunità di approfondire la conoscenza di un artista, ancora in attività, il cui lavoro ha sfidato la definizione tradizionale di pittura e ha contribuito ad aprire un nuovo e vitale capitolo dell'arte visiva coreana. La mostra sarà accompagnata da un catalogo con un testo del critico d'arte Francesco Bonami. Ha Chong-Hyun vive e lavora a Seul da quando si è laureato all'Università di Hongik nel 1959. Dal 1990 al 1994 è stato Decano del Fine Arts College dell'Università di Hongik ed è stato Direttore del Seoul Museum of Art dal 2001 al 2006. È stato protagonista di importanti mostre personali all'Espace Paul Ricard di Parigi (1999), alla Fondazione Mudima di Milano (2003) e al Gyeongnam Art Museum di Changwon, Corea del Sud (2004). Ha rappresentato la Corea del Sud in importanti kermesse internazionali come la Biennale di Parigi nel 1961, la Biennale d'Arte di San Paolo nel 1967 e 1977, la Biennale di Venezia nel 1995 e la Biennale di Praga nel 2009. Tra le sue mostre più recenti ricordiamo la grande retrospettiva al Museo Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea di Gwacheon, Corea, (2012), la mostra Dansaekhwa, evento collaterale della 56. Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia (2015), la mostra personale alla Kukje Gallery di Seoul (2015) e alla Tina Kim Gallery (2018). Le opere di Ha Chong-Hyun sono conservate in collezioni pubbliche di importanti istituzioni come il Museum of Modern Art di New York, il Solomon R. Guggenheim Museum di New York, l'Art Institute of Chicago, il Museo M+ di Hong Kong, il Museo Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea, Corea, e il Leeum, Samsung Museum of Art di Seoul. L'attrice Dora Romano nella serie tv Imma Tataranni L'attrice Dora Romano torna sul piccolo schermo nella Serie Tv targata RaiUno “Imma Tataranni - Sostituto Procuratore, diretto da Francesco Amato che andrà in onda da domenica 22 settembre in 6 puntate Nella serie interpreta la Mamma di Pietro (Massimiliano Gallo) nonché suocera di Imma. Ex insegnante di liceo, è una donna dai modi affettati e formali, praticamente l'antitesi di Imma (Vanessa Scalera). Per lei è Imma la causa della trasformazione del figlio, un “cagnolino” obbediente e servizievole; per questo la detesta e disapprova ogni volta che può il suo atteggiamento sgraziato e inelegante, molto diverso dal suo. Confida nella nipote Valentina (Alice Azzariti) la speranza di affermazione sociale che suo figlio, finendo in Regione con un posto di terz'ordine, ha disatteso. Numerosi i progetti televisivi e cinematografici di Dora Romano. Prossimamente, infatti, sarà al cinema nel nuovo film di Ferzan Ozpetek “La Dea Fortuna” in uscita il 19 dicembre. Nel cast, tra gli altri, Stefano Accorsi, Edoardo Leo e Jasmine Trinca. In tv, invece, la rivedremo nell'atteso sequel della serie tv “L'Amica Geniale 2” di Saverio Costanzo, che andrà in onda nel 2020 e in cui vestirà nuovamente i panni della Maestra Oliviero.   L'Elba in trekking tutta da scoprire in autunno Con il suo microclima e un territorio variopinto e mai uguale a sé stesso, da settembre l'Elba si trasforma in una meta imperdibile per gli appassionati di trekking. Dalle spiagge e scogliere, risalendo attraverso la macchia mediterranea e i piccoli borghi, fino a toccare le sue granitiche cime, l'isola propone sette nuovi percorsi da esplorare, per tutti i tipi di esigenze, con tante curiosità storiche e culturali da scoprire. Per celebrare la giornata senza auto il prossimo 22 settembre, l'isola propone Il Cammino della Rada , un itinerario che collega due punti simbolicamente importanti a Portoferraio: la Torre del Martello della città fortificata di Cosmopoli con la Fortezza del Volterraio, emblema del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano. Il percorso collega una straordinaria articolazione di punti di interesse distribuiti lungo il Cammino: aspetti naturali, culturali e storici, tra cui l'intera città fortificata rinascimentale, una zona termale, aree umide costiere, un giardino botanico, resti archeologici di ville marittime romane, l'ultima traccia di antiche saline con la Torre del Sale e il molo di attracco etrusco per imbarcare i carichi di vino per il continente. A questi, si aggiunge una rocca medievale e una chiesa, quella di S. Stefano alle Trane, che può considerarsi la massima realizzazione del romanico pisano all'Elba, entrambi di origine etrusca. Occorre una bella dose di fiato per sfidare le dritte e lunghe scalinate di pietra calcarea rosa che congiungono la parte bassa del centro storico con gli impressionanti bastioni in alto. Nate per agevolare la corsa dei soldati a cavallo verso i bastioni in caso di attacco, sono numerose e si diramano quasi a raggiera simmetrica. Arrivare in vetta al Forte Falcone è il premio per un'esplorazione di quella che è considerata la prima città rinascimentale ideale, progettata dai migliori architetti di Cosimo de' Medici nel 1548. Ci si trova così in uno dei tre punti chiave del Cammino della Rada: altissimo sulla città, a filo di gabbiano di fronte alla collina della Villa romana delle Grotte e davanti alla Fortezza del Volterraio. Per gli amanti, invece, dei percorsi più impegnativi, il trekking tra le vie del granito è d'obbligo: un anello che si sviluppa nel versante sud del Monte Capanne e tocca le principali aree archeologiche diffuse in quest'area: dai resti degli antichi capanni di età villanoviana alle sepolture a cassetto di analoga epoca, fino alle maestose colonne in granito realizzate dai romani. La partenza è a quota 230 metri dal piccolo borgo di San Piero, frazione del comune di Campo nell'Elba. Da non perdere la piccola chiesa di San Piero e Paolo, inglobata nel bastione difensivo che domina la piana di Marina di Campo. Dopo aver imboccato le scalinate in granito al centro del paese, si cammina fino ad intersecare il sentiero che dalla Torre di San Giovanni porta alle Piane del Canale, che da l'opportunità di visitare il punto panoramico di Pietra Murata. Da qui si vedono bene Pianosa, Montecristo ed anche la Corsica. Dopo aver ripreso il sentiero, si scende lungo il Fosso del Malocci fino ad incrociare il sentiero che porta alle cave di granito di San Piero. Durante quest'ultima parte di percorso, guardandosi intorno, non sarà difficile scorgere massi di granito semilavorati: le colonne sono ciò che ne rimane dell'antica lavorazione. Uno degli itinerari più suggestivi dell'isola è l'itinerario di Punta Enfola , il promontorio di Capo Enfola unito al resto dell'isola da uno stretto istmo di terra. Il sentiero è lungo circa 5 Km, ricco di elementi naturalistici e testimonianze storiche risalenti all'ultimo conflitto mondiale. ​ Per raggiungere l'Enfola da Portoferraio bisogna seguire le indicazioni Enfola-Viticcio. Si inizia a salire per una strada fiancheggiata da roccia viva, macchia mediterranea e da muretti a secco. Qui, si imbocca il sentiero lungo il quale sarà possibile scorgere alcuni ruderi bellici, resti di un imponente sistema difensivo, alternati a sorprendenti scorci panoramici: a ovest sul Golfo del Viticcio e Sant'Andrea, a est sulle spiagge bianche di Portoferraio. Sotto, alla base del promontorio, lo scoglio dello Schiappino, uno dei due isolotti intorno all'Enfola. Ci si accorge da subito che si tratta di un percorso unico per scenario e profumi. Dalla spiaggia della Biodola fino alla spiaggia del Procchio si sviluppa invece un sentiero tra mare e spiagge dorate . Si percorre un bel tratto pianeggiante, a picco sugli scogli, per giungere ad una galleria scavata nella roccia, molto suggestiva da attraversare, illuminata e con delle belle aperture. La prima spiaggia isolata che si incontra lungo il sentiero è Lamaia. Vi sono poi le cale di Porticciolo e Guardiola. Percorrendo quest'ultima si sale sulla scalinata che si trova al termine e che permette di attraversare la scogliera. Ha inizio poi la lunga passerella di legno sopraelevata che costeggia per tutta la sua lunghezza la spiaggia di Procchio, una delle più grandi dell'isola. La passeggiata può essere considerata il proseguimento del trekking che parte da Viticcio ed arriva alla spiaggia del Forno a Portoferraio. É un sentiero da fare assolutamente con macchina fotografica al seguito, sostando per un bagno in uno dei due piccoli golfi che solitamente sono semideserti. Il sentiero che ha invece inizio dalla Piazza di Rio nell'Elba e giunge fino al Castello di Giove alle Panche è un percorso che tocca alcuni dei luoghi unici dell'isola, come l'Eremo di Santa Caterina e i “vecchi lavatoi” con le bocche in ottone. Da qui, immergendosi nella macchia mediterranea, si può raggiungere anche il maestoso Castello del Volterraio. Fiancheggiando le antiche fornaci della calce, si sale fino al sentiero principale a nord arrivando fino al Monte Castello che domina la silenziosa valle del Monserrato e l'omonimo suggestivo santuario dedicato alla Madonna Spagnola. I più allenati possono proseguire fino alla cima del monte per godersi la vista a 360° su Rio Elba, le miniere, la Torre del Giogo, l'imponente Volterraio, la spiaggia di Barbarossa e Porto Azzurro. La discesa riporta velocemente a Le Panche e alla quiete del Rio nell'Elba. Poco conosciuto e tutto da esplorare è il percorso Capo di Stella : anello sulla penisola del golfo omonimo fra Capoliveri e Lacona. Il sentiero si sviluppa interamente sulla lunga e stretta punta che separa le due ampie baie della Stella e di Lacona. Si tratta di uno dei promontori più interessanti dell'Elba. La partenza è dalla strada provinciale di Lacona, all'altezza del bivio per la spiaggia di Margidore, dove si segue una strada asfaltata con l'indicazione per Capo di Stella. Lungo il sentiero si ha un bel colpo d'occhio sullo scoglio dei Corbelli, regno incontrastato dei gabbiani che non mancheranno di segnalare il percorso. Arrivati in cima, la vista consente anche di sporgere lo sguardo verso est, al golfo Stella, con il lungo tratto di costa fino all'Innamorata, e verso ovest sul golfo di Lacona con la spiaggia omonima. La curiosità storica di Capo Stella ha come protagonista Napoleone. Si narra che l'imperatore fosse innamorato di questo tratto di terra, fino al punto di voler recintare la base del promontorio per poter utilizzare la zona come riserva di caccia personale. Il sentiero della Vecchia Ferrovia è invece un vero e proprio regno dei minerali, che ripercorre la vecchia strada ferrata e la sua lunga storia. Si parte dalla spiaggia dell'Innamorata, una delle più belle e famose di Capoliveri. Un tempo era ricoperta da una sottile sabbia nera di ferro. Dopo pochi minuti di cammino, ci si trova già sopra le tramogge. Da qua, punto di carico e scarico dei vagoni dove il minerale veniva selezionato e poi imbarcato sulle navi mercantili, si gode un bellissimo panorama sulle Isole Gemini, sul Golfo ​ Elio a Vogue for Milano Grande successo per la serata ELIO, in collaborazione con Epson, organizzata da Paolo Brambilla e Francesca Lovatelli Caetani presso Illy Caffè in Montenapoleone, in occasione della Vogue For Milano 2019. Influencer, personal shopper, personaggi della tv, PR di importanti brand, proprietari di atelier luxury, protagonisti dei salotti milanesi, hanno affollato il 12 settembre l'evento privato, riservato a 80 selezionatissimi ospiti, accorsi per conoscere meglio questa nuova tecnologia che soddisfa le esigenze del privato e del pubblico per la promozione e la tutela delle eccellenze Made in Italy nel settore del lusso.Tra i presenti, Adriana Glaviano, Patrizia Gancia, Elisa Scheffler, che ha sfoggiato un cappello firmato Borsalino, l'elegantissimo Jean Pierre Xausa Mr JP, pluricampione di baffi e barba particolari, nominato testimonial di Pitti a gennaio 2019 per eleganza e stile Dandy & Gentleman da Ilian Rachov, designer di Versace, Silvio Fiorello e altre maison, il Presidente dell'Associazione Mai Più Solo Vincenzo De Feo, esperto di bullismo e cyberbullismo. Non mancavano il Professor Stefano Pizzi dell'Accademia di Belle Arti di Brera, con l'artista Roberta Moscheo, il presidente onorario della Sala Stampa Nazionale Giovanni Domina, il direttore di Askanews Paolo Mazzanti, rappresentanti della Camera della Moda e giornalisti dell e principali testate nazionali. Tutti hanno degustato un raffinato catering preparato per l'occasione da Illy Caffè: appetizer a base di spuma di Grana Padano con crumble al caffè, hummus con pomodoro secco e zucchine marinate, tartelletta con robiola e salame nostrano, vitello tonnato, gazpacho all'italiana con meringa salata e hanno brindato con bollicine e vini bianchi e rossi. In una saletta adiacente, sempre all'interno di Illy Caffè, gli esperti ELIO hanno fornito ai presenti tutte le informazioni relative a questo innovativo strumento e molti hanno potuto provare gli smart-glasses Moverio e provare la piattaforma ELIO, che da ottobre potrà essere disponibile nei più importanti store. ELIO è un ecosistema tecnologico volto a rivoluzionare l'acquisto a distanza, consentendo all'acquirente di decidere dove e come fare shopping in un'esperienza quasi identica a quella in store. ELIO è accessibile tramite smartphone, tablet, pc o altri dispositivi e permette di scegliere il negozio in cui si vuole fare shopping, fissare appuntamenti e connettersi in videoconferenza streaming audio-video in tempo reale con lo staff del negozio o il personal shopper che lo accompagna tramite gli smart-glasses, rendendo interattiva e personale la vendita a distanza. L'intera esperienza di acquisto avviene, quindi, virtualmente. ELIO è partito con l'operazione “MILANO FIRST, Milano la prima Città ad essere connessa in streaming con il mondo”. In partnership con Epson, anche Vodafone, Università degli Studi di Pavia, Ariadne, DHL, AI-PS (Associazione Italiana Personal Shopper), BPM e Bandyer. La piattaforma ELIO si rivolge a un mercato in continua espansione, la vendita a distanza, che permette ai clienti da remoto di poter visionare e acquistare prodotti di alta qualità grazie alla collaborazione di personal shopper che mostreranno i capi di interesse al consumatore tramite gli smart-glasses Epson Moverio. Gli occhiali per la realtà aumentata sono a disposizione del commesso o del personal shopper al quale i clienti si rivolgono, e le esperienze di acquisto sono varie e rivolte a diversi settori: fashion, gioielli, design, arte, vino e prodotti tipici, locazione e vendita di immobili, turismo.Ai negozi viene offerta l'adesione gratuita a una modalità di vendita innovativa, applicando solo una piccola commissione sulle vendite reali. La tecnologia ELIO offre al mondo della moda l'opportunità di promuovere le eccellenze made in Italy, novità per i Brand, rilancio di negozi di quartiere e sviluppo delle nuove professionalità. La collaborazione tra l'Università degli Studi di Pavia e l'Université de Lyon ha prodotto uno studio di internazionalizzazione per promuovere la rivoluzione digitale dello shopping. Con un clic il lusso è in linea. ELIO (E-commerce Live International Organization) propone un'interazione cliente-negozio, in cui il cliente dialoga con il negozio e visita il negozio: un'esperienza essenziale nel settore del lusso. Attraverso gli smart-glasses indossati dal commesso o dal personal shopper, il cliente, connesso in Internet, vede il negozio, visiona e sceglie gli articoli. Le modalità operative di ELIO sono semplicissime. Tramite il portale ELIO il Cliente sceglie dove e come fare shopping e fissa un appuntamento per la chiamata. Il cliente, da smartphone o personal computer, interagisce con il negozio, direttamente o tramite il proprio personal stopper. Gli smart-glasses, indossati dal commesso o dal personal shopper, attivano via internet lo streaming audio-video, attraverso i quali il cliente (remoto) è virtualmente presente nel negozio. A fine sessione verrà concluso l'acquisto col pagamento online. Seguirà la logistica della spedizione. In sintesi, ELIO propone uno shopping virtuale, ma “face to face”, attraverso cui il negozio illustra le proprie eccellenze ed il cliente vive un'esperienza gratificante. La proposta è semplice e conveniente per gli utenti consumatori e negozi, si basa su tecnologie consolidate: internet, smart-glasses, sistemi di pagamento on-line, senza richiedere alcun investimento ai negozi (che semplicemente aderiscono) ed ai clienti (che scaricano la App). Elio ha partecipato a START UP ITALIA 2018 e ha vinto il 2° premio UNIVENTURE. Il primo passo del progetto riguarda Milano (MILANO FIRST) ed è orientato ai settori FASHION, DESIGN, GIOIELLI, ARTE, TURISMO, PRODOTTI TIPICI, [email protected]   NELLA FOTO ADRIANA GLAVIANO, JEAN PIERRE XAUSA MR JP E ELIO MASSIMINI    Il convegno sulla bellezza Grande successo di pubblico per il primo Convegno dedicato al tema della Bellezza a 360°, organizzato e promosso da Fondazione Donna a Milano Onlus, con il patrocinio del Comune di Milano e di Regione Lombardia. Già confermato l'appuntamento del 2020 con moltissime novità tra cui la formula dell'evento “diffuso” per la città. utto esaurito e grande partecipazione al primo appuntamento dedicato al tema della bellezza che si è svolto ieri a Milano, nella Sala Alessi di Palazzo Marino. L'argomento e i relatori, in effetti, non lasciavano dubbi in proposito: la Bellezza, intesa in tutte le sue accezioni, al di là dei canoni stereotipati e delle immagini che la società di oggi – dalla televisione al web, dai social network alla moda – ci impongono, è tema sociale di grande attualità che coinvolge target differenti. A organizzare l'evento, Fondazione Donna a Milano Onlus – nata nel 2005 con l'obiettivo di supportare le donne nella realizzazione del loro benessere – con la collaborazione del Comune di Milano e la sua Amministrazione, il patrocinio di Regione Lombardia e il sostegno del Rotary Club Manzoni Studium di Milano. Dopo i saluti istituzionali, la Professoressa Maria Rita Gismondo, Presidente della Fondazione, ha aperto i lavori spiegando come oggi il concetto culturale di bellezza sia cambiato (basti pensare all'ideale greco di donna dalle forme piene), ma rimanga variegato negli orizzonti culturali globali. E, purtroppo, troppo spesso ghettizzante, a causa dei rigidi stereotipi dai quali la maggior parte delle donne si distacca, ma che risultano difficili da raggiungere. Ci si rivolge soprattutto alle donne per diffondere messaggi perché la donna è il fulcro dell'educazione e della famiglia e della diffusione culturale e sociale.  l chirurgo estetico Valerio Perrone ha posto invece l'accento sulla percezione della bellezza e sul fatto che oggi tante persone si rivolgono alla chirurgia estetica spinti non da una reale necessità psicologica o medica ma dal profondo disagio sociale e somatico, che rappresenta un equilibrio fragilissimo. Da qui la necessità di comprendere di che tipo di disagio si tratti ed eventualmente indirizzare il paziente verso una terapia psicologica.  Molto seguito e partecipato anche l'intervento del Direttore della Pinacoteca di Brera, James Bradburne, che ha spiegato come spesso la bellezza corrisponda all'intenzione, ossia a come vogliamo vedere il corpo di una persona e farne un modello che poi diventa il nostro stereotipo di bellezza dal quale la realtà si distacca o si avvicina. Anche una cosa imperfetta (purché casuale e non costruita) può essere bella, anzi a volte più bella. È un errore generalizzare, bisogna invece entrare nella cultura corrente e territoriale e non bisogna mai astrarsi dal flusso del tempo. Ecco allora che, anche nell'arte, la bellezza non sta tanto nelle opere in sé, ma nel vivere insieme la civiltà comunicandone i valori culturali. Napoleone diceva che Brera era il Louvre d'Italia, intendendolo come museo radicale che avrebbe sparso cultura. La vera essenza della contemporaneità sta nel restituire al popolo le opere per accrescerne la cultura e mostrare il bello e il sapere. Il museo inizia a esprimere quindi valore civile e sociale.  Momento molto emozionante è stato il concerto dei ragazzi dell'Orchestra Allegro-Moderato, la cooperativa gestita da esperti e insegnanti con una lunga esperienza nella pedagogia e nella didattica musicale speciale, nella musicoterapia e nella riabilitazione, che promuove una formazione musicale per persone con fragilità psichiche, mentali e fisiche.  A chiudere l'incontro, un approfondito intervento del filosofo e giornalista Umberto Galimberti, già autore del libro “Il mistero della bellezza”. Un inciso ricco di cultura che ha “rapito” il pubblico, tanto da spingerlo a porre moltissime domande al noto filosofo. La prossima edizione del Convegno, che vuole diventare un punto di riferimento nel panorama milanese, e non solo, sul tema, si svolgerà il prossimo anno e sarà una vera e propria manifestazione che vedrà l'evento uscire da un'unica sede e diffondersi in tutta Milano, con appuntamenti, incontri ed eventi in diverse location cittadine.      Tutti all'Hollywood con Elio Dopo il grande successo dell'evento ELIO durante la serata di "Vogue for Milano" , il pubblico del mondo della moda-ma non solo- assisterà dal vivo, venerdì 20 settembre, dalle ore 22 in poi, alla modalità ELIO applicata a una sfilata, in occasione della "Milano Fashion Week" e all'utilizzo degli smart-glasses Epson Moverio nell'affascinante cornice della discoteca Hollywood. Il red carpet vedrà come protagonista un fashion show d'eccezione, quello di Villiani Couture. L'evento, in collaborazione con Globo Communication, vedrà presente anche Elio, la nuova tecnologia che soddisfa le esigenze del privato e del pubblico per la promozione e la tutela delle eccellenze Made in Italy nel settore del lusso. Questo ecosistema tecnologico volto a rivoluzionare l'acquisto a distanza, consentendo all'acquirente di decidere dove e come fare shopping in un'esperienza quasi identica a quella in store., applicata agli smart glasses  Epson Moverio, permetterà ai buyer e ai personal shopper presenti alla sfilata di trasmettere in diretta lo show a Parigi, sul tablet di sul tablet di Valery Riffaud-Cangelosi, Head of New Market Development - Epson Europa. La prima collezione del brand Villiani della linea Couture è una avant-à-porter luxury collection ispirata dall'artista Antonio Urzi e le sue uniche creazioni di metallo fatti sia per l'alta moda che per il palcoscenico mondiale e da lì proviene anche il nome della collezione “Unbroken Steel”. Prendendo spunto anche da alcuni movimenti artistici come l'art decò e il futurismo la collezione ha delle linee geometrice e tagli particolari che mettono in evidenza le forme femminili e sottolineano la bellezza naturale, esprimendo uno stile ed elleganza un po' stavaganti ma nello stesso tempo classiche. Dando tantissima importanza al dettaglio,i materiali e i tessuti ulillizzati nella collezione sono molto ricercati. Gli accessori come le cerniere metallizate applicate e i tessuti come il neoprene, il jersey di cotone e la seta doppiata entrabi con dei fili metallici incorporati sono la testimonianza per questo. Ci sonoanche la eco pelle argentata per alcuni capi interi e molti piccoli dettagli, e anche un tessuto tecnico forato a laser che da molto volume e leggerezza nello stesso tempo. Villiani ha due linee principali che sono la linea Couture -composta davestiti limited edition con lavorazioni e tessuti particolari e la linea Prime che è composta principalmente da vestiti causal come le magliette stampate e gli accessori per cellulari. Il brand è stato creato nel 2017 dalla giovane designer Vili Gage che si è laureata nel 2013 in fashion design e nel 2015 in Art direction di alta moda. La designer ha concepito diverse esperienze lavorando come freelance designer per diversi progetti creando delle capsule collection e anche come styliste fashion coordinatorper dei scatti fotografici e installazioni di alcuni brand mondiali come Emilio Pucci, Marni, Moschino, Maision Martin Margela, Dolce&Gabbana e altri. Vili Gagepropone anche degli abiti fatti su misura per lo stesso brand, creando dei vestiti meravigliosi eseguendo al massimo le richieste del cliente. NELLA FOTO VILI GAGE   Il lusso e la classe In occasione della Milano Fashion Week, al CAM di corso Garibaldi, viene organizzata la presentazione dei prodotti APHRODITE Glamorous Goddess We sell Culture, linea di gioielli firmati Palladino ei luxury products and accessories realizzato in collaborazione con Miss Magia. Perché nasce la linea Aphrodite?  “Crediamo che gli individui possano dare di più e far sentire la loro voce, attraverso il progetto Women is Life, campagna di comunicazione e sensibilizzazione sulla violenza sulle donne e sul diverso”-dicono gli organizzatori. “Diamo la voce e l' incoraggiamento attraverso canali d' informazione e attività per predicare L' AMORE come unica religione per tutta l'umanità, per un futuro migliore per l'ambiente e le persone. Saremo autentici portavoce della realtà del Diverso per poter concretamente aiutare donne, giovani, persone diversamente abili e Africani a realizzare e raggiungere i loro sogni e obiettivi. Sosteniamo i valori e siamo convinti che se esiste una Divinità è Donna, Dea dell'amore, della bellezza e prosperità. Ecco perché Aphrodite! Lavoreremo su Liberalismo e parità di genere, per incanalare la nostra voce verso la costruzione di una Società con valori equi, diritti umani e libera da ogni tipo di violenza per il miglioramento sociale, la crescita economica e promuoviamo l'integrazione socio-culturale”. #diversity is trendy #essere diverso alla moda; gli obiettivi sono quello di costruire una piattaforma socio culturalesolida e avanzata, per promuovere i diritti umani e continuare ad impegnarsi per la parita' di genere Come secondo obiettivo, c'è quello di Incoraggiare i giovani e le future generazioni a costruire una relazione e una maggiore collaborazione basata sull' amore e non sulla religione, per promuovere i valori universali.  Terzo scopo è rafforzare le donne e il diverso, ma anche lavorare su uguaglianza, libertà di parola e di scelta; contribuire sopratutto a combattere il totalitarismo politico nel mondo; organizzare eventi con contenuti di significato per promuovere e valorizzare le Donne, l' Africa e a favore dei più deboli. Vi invitiamo, quindi, a partecipare ai nostri eventi e a sostenerci. Permetteteci di dire che noi, dell'associazione Apse Italia, abbiamo bisogno di più forza e cerchiamo collaborazione e volontari per creare la giusta sinergia e la motivazione per raggiungere i nostri obiettivi.  Insieme per un futuro migliore!  Aphrodite Glamorous Goddees for women is life! https://instagram.com/aphrodite_glamorous_goddess?igshid=1ced1lpre3h8f Parteciperà all'evento al CAM anche Stefano Anselmo, che ha esercitato la sua attività in molteplici campi della moda. Suoi sono i maquillages delle folli copertine di Mina, con cui collabora dal '77; è consulente d'immagine e trucco per servizi fotografici, campagne pubblicitarie, video-clip musicali, di Gianni Bella, Marcella Bella, Loredana Bertè, Garbo, I Pooh, Mia Martini, Vasco Rossi, Ami Steward, Renato Zero, solo per citarne alcuni.       La dieta Mima Digiuno È la nuova tendenza, gettonatissima anche tra i vip internazionali, la  DIETA MIMA DIGIUNO del  Prof. VALTER  LONGO, insignito dal TIMES tra i 50 scienziati più influenti al mondo,  che Verrà  presentata in un convegno intitolato “Longevità in buona  salute. Dalla dieta mediterranea alla Mima Digiuno opportunità  preventive e terapeutiche” a Roma a ottobre. Dieta Mima Digiuno è un protocollo alimentare ipocalorico, interamente vegetale, della durata di 5 giorni. Il programma dietetico è basato sulle ricerche scientifiche condotte presso il Longevity Institute e la School of Medicine della University of Southern California, uno dei centri principali per la Ricerca sull'invecchiamento e la Longevità. I ricercatori hanno scoperto e  testato gli effetti positivi non solo a livello cellulare ma anche sulla gestione del peso corporeo. Proprio grazie alla sua composizione ipocalorica,  la DIETA MIMA DIGIUNO sfrutta l'abilità dell'organismo di entrare in uno stato di protezione cellulare, di contrastare i tessuti danneggiati e attuare un self-repair. I risultati mostrano che questo processo può dare luogo a importanti effetti benefici sull'organismo.  Il protocollo contiene 66 componenti diverse, tutte vegetali con barrette, zuppe, bevande, infusi, tisane, snacks ed integratori tutti realizzati e finalizzati a massimizzare gli effetti protettivi correlati al digiuno, pur fornendo macro e micronutrienti (principi nutritivi essenziali) e minimizzando, oltre al senso della fame, anche tutti i potenziali rischi derivanti dalla restrizione calorica. Le Diete Mima Digiuno™ è il frutto di una lunga ed accurata ricerca di base e clinica condotta presso l'Institute of Longevity della  > University of Southern California, MA anche presso alcune università e presso  > noti ospedali sia statunitensi che europei. Nel corso degli anni gli studi sono stati sponsorizzati e finanziati dal National  > Institute for Aging, dal National Cancer Institute (entrambi parte del  > National Institutes of Health) e da fondazioni private sia  > statunitensi che europee. Complessivamente L-Nutra ha potuto contare  > su fondi per oltre 20 milioni di dollari USA che le hanno permesso di  > portare avanti la ricerca scientifica e lo sviluppo di prodotti con i  > piu' alti standard di qualità e sicurezza. > Il Protocollo Alimentare Mima è l'unico che abbia ricevuto  > dall'Ufficio Marchi e Brevetti degli Stati Uniti i(USPTO) quello > per l'ottimizzazione della longevità e della salute.  www.prolon.it

Dai blog