Cerca

Stilettata

Vittorio Feltri sfotte la sinistra kamikaze: "Salvini e i rom? Non sono mai stufi di perdere consenso"

19 Giugno 2018

7
Vittorio Feltri

Poche parole, tremendamente efficaci, per inquadrare il caso delle ultime ore: la levata di scudi contro Matteo Salvini, "reo" di aver proposto un censimento dei rom, al fine di individuare ed espellere gli irregolari. Le poche parole sono quelle spese su Twitter da Vittorio Feltri. Nel mirino c'è la sinistra, la quale attacca senza soluzione di continuità il ministro dell'Interno.

Il direttore cinguetta:

Tutto torna, insomma. Salvini - pur con toni magari troppo forti - propone il censimento dei rom, un sondaggio di AnalisiPolitica mette nero su bianco che l'80% degli italiani è favorevole all'iniziativa e la sinistra che fa? Ovviamente attacca il censimento: la vocazione al martirio è eterna. Come dimostrano, tra le altre, le infelici dichiarazioni di Maria Elena Boschi, che si è spesa in un paragone neppur troppo velato tra il vicepremier leghista e il nazi-fascimo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ROGIX

    19 Giugno 2018 - 17:05

    STANNO SEMPRE CONTRO GLI ITALIANI...VAI A CAPIRLI.

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    19 Giugno 2018 - 15:03

    Mauro Rossi...uno che ciula coi ROM ?

    Report

    Rispondi

  • genewman

    genewman

    19 Giugno 2018 - 15:03

    tutti gli esponenti della lega, dovrebbero evitare di partecipare alle trasmissioni di la 7, e lasciarli morire di fallimento totale ,i peggiori giornalisti comunisti e faziosi dipendono da questa rete.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Regionali in Umbria, gli iscritti del Movimento 5 stelle al voto sulla piattaforma Rousseau

Giuseppe Conte: "Buon clima nel governo, si mettano da parte personalismi in favore della squadra"
Cerciello Rega, il video dei filmati ritrovati nei telefoni dei due americani: pistole e cocaina.
Salvini fuori dalla maggioranza? Mattarella battezza i rapporti con la Germania: "Livelli di eccellenza"

media