Cerca

Nostalgia

Otto e Mezzo, Marco Travaglio sbotta: "Non sono più quei tempi", troppe poche manette

6 Giugno 2019

0
Marco Travaglio, Otto e Mezzo

Tempi cupi per Marco Travaglio, alle prese con la crisi di consensi del "suo" M5s. E il direttore del Fatto Quotidiano palesa tutto il suo nervosismo a Otto e Mezzo, il programma di Lilli Gruber su La7, dove era ospite nella puntata di giovedì 6 giugno. Si parlava di "toghe sporche", del caso che ha travolto il Csm a partire da Luca Palamara. E Travaglio ha perso la brocca rivolgendosi a Massimo Giannini, firma di Repubblica, altrettanto presente in studio: "Non siamo la buca delle lettere dei pm", ha affermato riferendosi al Fatto, da molti indicato come una sorta di gazzettino delle procure. Dunque, il direttore ha aggiunto: "Oggi i magistrati non sono più quelli liberi e indipendenti del 1992 di Mani Pulite". Bei tempi, insomma, quelli in cui piovevano manette come grandine. Il direttore-grillino, infine, conclude la sua intemerata con un pensiero sull'evasione fiscale: "Va messa sul penale. Sei mesi di tempo per mettersi in regola e poi stangare". Travaglio nervoso e scatenato.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Luca Zaia: "Basta insulti ai veneti, il mio compito è difenderli. Ora quereliamo"

Vincenzo De Luca: "Dialogo con il M5s? Non parlo più di politica politicante, solo fatti concreti"
Alessandro Morelli: "I 5s aprivano scatolette di tonno, gli altri sono figli delle sardine: un governo ittico"
Open Arms, il video propaganda dopo l'indagine contro Matteo Salvini

media