Cerca

Show

DiMartedì, Alan Friedman gongola: "Evviva il mojito, ecco perché ringrazio Matteo Salvini"

11 Settembre 2019

3
Alan Friedman, DiMartedì

Tutti scatenati contro Matteo Salvini. Tra questi anche uno che lo ha sempre contestato, senza mezze misure: Alan Friedman. Siamo nello studio di DiMartedì, il talk-show di approfondimento politico condotto da Giovanni Floris su La7, alla sua prima puntata di questa nuova stagione (partita con un clamoroso botto di share). Si parla dell'ex ministro dell'Interno, della crisi che ha aperto e del nuovo governo M5s-Pd che la crisi ci ha consegnato. E Friedman, sornione, attacca: "Dobbiamo ringraziare Salvini perché questa estate se non ci fosse stato il mojito moment del Papeete sarebbe ancora al Viminale e il Paese sarebbe ancor più buio", conclude caustico e tromboneggiante. Guarda come gongola, Alan Friedman...

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Andi50

    11 Settembre 2019 - 18:06

    Fattene un paio così dormi.

    Report

    Rispondi

  • sergion49

    11 Settembre 2019 - 13:01

    Ma chi è questo analfabeta ? Ma che vada in america che viene a fare il sapientone in italia

    Report

    Rispondi

  • Antonio M.

    11 Settembre 2019 - 12:12

    Il momento più buoi ce l'ha la TV italiana che permette a saccenti presuntuosi di sinistra di pontificare e "bacchettare" personaggi della politica (vedi Salvini) che hanno oltre il 30% dei consensi nazionali. E' come dire che il 30% degli italiani non capiscono nulla. Ma è vero.. d'altronde solo i comunisti capiscono tutto, gli altri sono solo pecore ignoranti ... ma tornatene in America

    Report

    Rispondi

Giorgia Meloni ad Atreju: "Matteo Renzi è campione mondiale di faccia di bronzo"

Scontri tra black bloc, gilet gialli e polizia alla marcia per il clima a Parigi, fiamme sugli Champs-Elysées
Matteo Salvini, chiesta archiviazione per la Gregoretti: "Vediamo se il tribunale dei ministri ribalta tutto"
Clima, Greta Thunberg all'Onu: "Noi giovani uniti e inarrestabili" 

media