Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sergio Sylvestre risponde a Salvini: "Il pugno chiuso? Informati meglio, non capisci"

  • a
  • a
  • a

"Il pugno chiuso? Matteo Salvini dovrebbe informarsi meglio". Sergio Sylvestre risponde al leader della Lega, che ne aveva criticato duramente l'esibizione prima della finale di Coppa Italia all'Olimpico tra Napoli e Juventus: inno di Mameli "dimenticato" ("Per l'emozione, ero triste per lo stadio vuoto", si è difeso il cantante ex Amici), pugno alzato stile Messico 68 e urlo finale, No justice No peace, in linea con la campagna #BlackLivesMatter.

"Di certo non avevo dimenticato le parole, quelle le ho stampate in testa. L’emozione è stata più grande di me. Accetto le critiche, ma non tutti sanno cosa vuol dire essere un ragazzo nato con la pelle di un colore che quando la gente guarda ha subito paura, o almeno pregiudizio", si è sfogato Sylvestre dopo la partita. Salvini l'ha attaccato sui social: "Sbaglia l’Inno e saluta col pugno chiuso! Ma dove l’hanno trovato?!? Povera Italia!". Dovrebbe cercare di capire cosa significa quel pugno o un movimento come Black Lives Matter. Ma in fondo non può, lui non può capire cosa vuol dire essere nero. Io però sono nato così. Quando è morto George Floyd ha visto che hanno fatto tutti i post, non so se anche lui lo fatto. Ma in generale dovrebbe informarsi meglio su cosa significa essere nero. Con quel pugno e con la mia voce parlo anche per quelle persone che non possono più alzare la mano, che non anno più voce. Parlo per loro. Quindi se ha qualche dubbio sul significato del mio pugno, lo invito a chiamarmi”. Restiamo in attesa di sviluppi. Per la cronaca, Salvini sul caso Floyd ha dichiarato: "La sua morte merita giustizia, chi ha sbagliato deve pagare, senza sconti Black lives matter? All lives matter". 

Dai blog