Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sabino Cassese a In Onda: "Berlusconi ricoverato? Non gli faccio il coccodrillo". Parenzo e Telese gelati, imbarazzo in diretta

  • a
  • a
  • a

Hanno invitato Sabino Cassese a parlare di Silvio Berlusconi, e forse David Parenzo e Luca Telese speravano di replicare a In Onda un "caso De Benedetti". Qualche ora prima, l'ex editore di Repubblica oggi patron di Domani aveva fatto gli "auguri" al nemico Silvio, ricoverato per coronavirus al San Raffaele di Milano, definendolo "un grande imbroglione" e ricordandolo come personaggio "nocivo" per l'Italia. Insomma, una valanga d'insulti.


 

E Cassese? Giurista tra i più prestigiosi della storia italiana  e giudice emerito della Corte costituzionale, non di rado era entrato in conflitto con il Berlusconi politico. Ma la sua pasta d'uomo è decisamente diversa a quella dell'Ingegnere. Ecco le sue parole quando i conduttori di La7 gli hanno chiesto un giudizio sull'ex premier: "Berlusconi ha segnato un quarto di secolo nella storia italiana, con lui ha avuto inizio la democrazia dell'alternanza, anche grazie alla legge che porta il nome del presidente Mattarella. D'altro canto, non ha mai voluto sciogliere il conflitto d'interesse, quindi in qualche modo i suoi liberalismo e liberismo non sono stati completi. Detto questo gli facciamo tanti auguri, non gli vogliamo mica fargli il coccodrillo". "Certo certo", "ci mancherebbe altro, no no", è la risposta decisamente imbarazzata di Telese e Parenzo in studio. Sembravano un po' delusi, per la verità.

Dai blog