Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Walter Ricciardi sulla variante inglese: "Boris Johnson sapeva da settembre e ha taciuto", un caso internazionale

  • a
  • a
  • a

“Prima di tutto siamo rammaricati che il governo inglese ci abbia avvertito solo ora”. Walter Ricciardi non le manda a dire alla Gran Bretagna, che da settembre stava studiando la nuova variante super-contagiosa della Sars-Cov-2: lo stesso però si potrebbe dire di Stati Uniti e Australia, che pure avevano già riscontrato la mutazione, mentre l’Italia è risalita al primo caso soltanto ieri perché è fanalino di coda mondiale negli investimenti sull’analisi. “Ciò che mi fa arrabbiare - ha dichiarato il consigliere del ministro Roberto Speranza in un’intervista a Il Messaggero - è che gli inglesi sapevano già da settembre che era in circolazione questa variante. Hanno taciuto, non ci hanno avvertito. I colleghi del Regno Unito dicono che la mutazione non avrà ripercussioni sulla vaccinazione, ma è vero che causa una contagiosità quasi doppia. Ora serve il lockdown, io sto predicando da tempo quello più duro”. Per Ricciardi, infatti, nuove chiusure saranno inevitabili per far fronte a questa nuova variante che è già in Italia: “In queste condizioni sarà difficile riaprire le scuole il 7 gennaio. A Natale si rischia una nuova impennata di contagi”. 

 

 

Dai blog