Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lega Nord, il piano di Matteo Salvini: l'8 novembre via al partito unico del centrodestra. Chi ci sarà, come si chiamerà

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

A Repubblica l'hanno già definito il "predellino leghista". Tra un mese, per la precisione l'8 novembre, Matteo Salvini "scioglierà" la Lega Nord e fonderà il nuovo partito unico del centrodestra, un po' come fatto da Silvio Berlusconi a piazza San Babila, a fine 2007, quando fondò un po' a sorpresa il Pdl. Corsi e ricorsi storici: oggi proprio Berlusconi dovrebbe decidere se starci o meno, un ultimatum padano che aprirebbe scenari inediti.  Nuovo partito, nuovo nome - Il palco su cui potrebbe nascere "l'anti-Pd" sarà quello di Bologna, momento conclusivo della tre giorni di "sciopero sociale" contro il governo di Matteo Renzi. La strategia del segretario leghista, secondo Repubblica, è chiara: con l'Italicum occorre ragionare in termini di lista e conseguente premio. Per questo Salvini starebbe pensando a un "listone" che inglobi i vari soggetti del centrodestra, da Fratelli d'Italia alla Destra, passando se possibile per Forza Italia. "Per il momento - scrive Carmelo Lopapa - l'unica cosa certa è che il nome conterrà la parola Lega". Tra le opzioni in campo le quasi obbligate "Lega Italia" o "Lega degli italiani", buon punto di partenza per suggestionare elettori, simpatizzanti e delusi di Forza Italia. Obiettivo Sud - Il passo avanti rispetto alle "alleanze" sarebbe notevole. "Sono disponibilissimo a ragionare con Berlusconi e Fi ma partendo dalle nostre proposte e senza marmellate", spiegava Salvini a Radio Padania nelle ultime ore. Attraverso il partito unico del centrodestra a trazione leghista, Salvini conta anche di riprendere a correre al Sud, dove l'affermazione di Noi con Salvini è stata finora al di sotto delle attese e non consente alla Lega di coltivare sogni "nazionali". 

Dai blog