Cerca

Azzurro smarcato

Giovanni Toti: "Tajani o Galliani non bastano, FI ha bisogno di congressi e primarie"

12 Agosto 2018

2
Giovanni Toti: "Tajani o Galliani non bastano, FI ha bisogno di congressi e primarie"

Sarà che lui è un "novellino" e non fa parte da vent'anni dell'ingranaggio forzista. Sarà anche che da tempo Giovanni Toti s'è smarcato dalla "stretta osservanza" azzurra. Fatto sta che il governatore della Liguria, in un momento davvero critico per il suo partito, svolge in una intervista sul Corsera una analisi lucidissima dei problemi che affliggono Forza Italia: "Non è questione di facce, ma di metodo e perimetro. E' secondario scegliere Antonio Tajani, Adriano Galliani o Giovanni Toti. Il punto - spiega - è che pensare di affrontare il mondo del 2018 con gli strumenti del 1994 è faticoso e probabilmente inutile. Forza Italia ha bisogno di cambiamenti profondi".

Che passino, prosegue "per congressi veri, basati non sulle tessere ma sul coinvolgimento degli amministratori locali e dei militanti. Dandogli la possibilità di dire la propria". Toti si arrischia a pensare a "qualcosa di simile alle primarie, chiamiamole assemblee aperte. Questo sarebbe l'unico modo per mettere tutto in discussione, senza disperdere il patrimonio di un'alleanza con la lega che in diverse regioni come Lombardia, veneto, Friuli e Liguria funziona benissimo".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • traianus

    12 Agosto 2018 - 22:10

    Ormai Forza Italia è alla frutta.

    Report

    Rispondi

  • Vontutù

    12 Agosto 2018 - 21:09

    Esatto: F.I. se vuole sopravvivere deve defenestrare la maggior parte dei suoi Soloni che la stanno portando negli inferi della politica. E' tutta gente che si è arricchita alle spalle del buon Silvio e che ora sta dimostrando la più assoluta incapacità politica: sono solo pieni di rabbia e di rancore, non hanno idee ed occupano poltrone solo per grazia ricevuta, sono delle nullità politicamente.

    Report

    Rispondi

media