Cerca

Il sospetto

Luigi Di Maio, perché il grillino si sente spacciato: "Credo che Tria e Salvini..."

23 Settembre 2018

1
Luigi Di Maio, perché il grillino si sente spacciato: "Credo che Tria e Salvini..."

In casa M5s ci sono guai ben più gravi del comunque gravissimo caso di Rocco Casalino e delle sue minacce intercettate contro il ministro dell'Economia Giovanni Tria e i suoi tecnici. La preoccupazione di Luigi Di Maio ora è tenere unito il gruppo, perché in questa fase delicata ogni spiraglio tra i grillini rischia di prestare il fianco ai fin troppi nemici. E in primis ci sarebbero gli alleati leghisti, visto che, secondo un retroscena di Repubblica, il vicepremier pentastellato ha sollevato un sospetto: "Temo che Tria si sia schierato. Lui e il suo staff. È disponibile a trovare le risorse per le richieste della Lega e fa muro sulle nostre. Trovare i soldi per le pensioni - ha detto ai fedelissimi - non è più semplice che trovarle per il reddito di cittadinanza".

Il dubbio che tormenta Di Maio è l'esistenza di un "complotto" non solo di Tria, ma degli stessi tecnici che avrebbero preferito schierarsi con la Lega, più rassicurante e attraente da un punto di vista politico e amministrativo. L'ipotesi dei grillini non sarebbe del tutto campata in aria. Di sicuro la forza diplomatica della Lega è riuscita finora a smussare le richieste e ottenere garanzie da parte del Mef, tanto che Giancarlo Giorgetti ha parlato di "ottimismo" sulla prossima Manovra. E intanto i grillini si preparano alla guerra, ma stavolta sul doppio fronte interno ed esterno.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • barry

    23 Settembre 2018 - 23:42

    Sono d'accordo con Enzo Orione. Qiualunque cosa sia scritta su repubblica, è falsa a parescindere.

    Report

    Rispondi

Matteo Salvini a Cattolica: "Chiederò alla Lega di votare sì al processo sulla Gregoretti"

Nicola Zingaretti, l'appello: "L'Emilia-Romagna si salva se combattiamo tutti insieme"
"Prima l'Italiano". Scopritelo su Camera con Vista 2020, inizio di anno movimentato per la politica italiana
Diego Fusaro e Antonio Socci contestati a Siena da Sardine e Pd: "Via i turbo fascisti", eccoli a testa in giù

media