Cerca

Lo scontro frontale

Giancarlo Giorgetti, l'attacco violentissimo all'Europa: "Non siamo più supini, cos'è oggi l'Italia"

24 Ottobre 2018

1
Giancarlo Giorgetti, l'attacco violentissimo all'Europa: "Non siamo più supini, cos'è oggi l'Italia"

La tensione tra Rome e Bruxelles è talmente alta che anche uno come Giancarlo Giorgetti ormai ha smesso di usare toni morbidi e pacati. La bocciatura della manovra da parte della Commissione europea è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso della pazienza del leghista, dopo giorni di insulti e insinuazioni, soprattutto dal commissario francese agli Affari economici, Pierre Moscovici.

Ospite di Bruno Vespa a Porta a porta, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio si è tolto per qualche minuto la giacca d'obbligo a palazzo Chigi per rimettere la camicia verde e randellare le follie dei tecnocrati europei: "Ci sono alcune regole dell'Unione europea francamente stupide e altre che non vengono fatte applicare. La Germania, per esempio, ha degli avanzi commerciali paurosi ma alla Germania nessuno contesta niente".

I toni di Giorgetti in tv saranno anche più crudi del solito, ma la sua posizione, come quella del Carroccio, non è certo cambiata rispetto agli ultimi anni. La novità, dice Giorgetti, sta tutta nel nuovo atteggiamento che il governo italiano sta avendo con Bruxelles: "Non siamo più supini e ubbidienti rispetto all'Europa. Dialogheremo in modo costruttivo ma fermo, vedremo l'esito finale". Certo qualche concessione alla Commissione europea andrà fatta, ma a una condizione ben precisa: "Se sbagliamo, siamo pronti a correggere attuando meccanismi automatici di correzione della spesa. E se lo spread arriva a 400, per le banche sarà necessaria una ricapitalizzazione". Andare allo scontro fino in fondo, insomma, non conviene a nessuno.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vincentvalentster

    24 Ottobre 2018 - 18:06

    Chi è che non ha seguito i patti sottoscritti anche dall'Italia a luglio ? Chi ha deciso di sforare ? Chi persiste nella volontà dichiarata di non fare nemmeno un passo indietro, con lo spread che comincia a volare ? Certamente non Moscovici, Junker o Dombrowskis

    Report

    Rispondi

Open Arms, Matteo Salvini sfida la Ong sui porti chiusi: "Se serve, vado in galera"

Open Arms, Salvini sfotte Richard Gere: "Ci dà dei razzisti, poi...". La vacanza in Italia, ciao migranti
Open Arms, l'appello della Ong; "La situazione a bordo è insostenibile"
Ondata di caldo, Venezia tra le città più afose d'Italia

media