Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matteo Salvini, elezioni europee: il sondaggio ribaltone tra moderati e sovranisti

Matteo Legnani
  • a
  • a
  • a

Matteo Salvini l'ha definita "un'occasione di quelle che capitano una volta in 50 anni". La tornata di elezioni Europee del prossimo 26 maggio potrebbe portare sconvolgimenti negli equilibri di potere all'interno del Parlamento Europeo, che è sempre stato dominato dal Ppe o dal Pse. L'avanzata dei sovranisti è vista dal leader della lega e dalla sua più forte e conosciuta alleata come un'occasione per "cambiare l'Europa". Ma un sondaggio elaborato da Europe Elects e illustrato dal quotidiano Il Giornale ridimensiona assai le ambizioni di populisti a antieuropeisti, mostrando anzi come con l'approssimarsi del voto le forze moderate tornino a guadagnare consensi. Così, Il Partito Popolare europeo di Manfred Weber si attesta a dicembre al 21,4% delle preferenze, che gli varrebbe 178 seggi, ovvero 6 in più della medesima rilevazione effettuata a novembre. Il Pse è dato al 17,6% per 133 seggi, 3 in meno rispetto a novembre. Gli euroscettici di Europa delle Nazioni e della Libertà, il gruppo di cui fanno parte Salvini e la Le Pen, sono dati al 9,2% con una proiezione che gli assegnerebbe 61 europarlamentari. Matteo Salvini sta lavorando per far sì che il gruppo si allarghi il più possibile e, perso l'ungherese Orban che con ogni probabilità si presenterà con il Ppe, il 16 gennaio sarà a Varsavia da Kaczynski, che in Polonia governa con altre due forze politiche. Leggi anche: Sondaggio Demos, Matteo Salvini senza rivali: è il più amato e tra i più odiati

Dai blog