Cerca

Ma per favore

Marco Travaglio, come si fa ridere dietro da tutta l'Italia: "Perché non sono grillino"

9 Febbraio 2019

0
Marco Travaglio, come si fa ridere dietro da tutta l'Italia: "Perché non sono grillino"

Un giorno all'improvviso Marco Travaglio si è svegliato e ha deciso di convincere l'Italia che né lui né il suo giornale siano mai stati grillini. Il direttorissimo nel suo ultimo editoriale si è arrampicato sugli specchi, nel disperato tentativo di prendere le distanze dai sempre più imbarazzanti grillini al governo. In fondo come si può sospettare che Travaglio e compagni siano "il giornale dei grillini", si chiede, dopo che aver titolato ieri "Mezzo M5s parla come B.", per criticare Luigi Di Maio e soci che "si avviano festosamente al suicidio collettivo con il no all'autorizzazione a procedere contro Salvini". Ormai neanche Travaglio vuol farsi travolgere dalla crisi di consensi che sta devastando il M5s, ma il tentativo di smarcarsi sembra a dir poco tardivo, per essere credibile.

E poco importa se Travaglio ha passato gli ultimi anni a saltellare da un palco all'altro allestito proprio dal M5s, sicuramente solo per presentare i suoi libri. Trascurabile anche che per riuscire a scorgere qualche ammissione di colpa sull'incompetenza dei grillini, i lettori hanno dovuto aspettare che i vari Danilo Toninelli e Laura Castelli si rendessero ridicoli in mondovisione. Travaglio ribadisce che il suo giornale non è "l'house organ" del M5s, per carità: a furia di ripeterlo, magari qualcuno potrà credergli.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Matteo Salvini durissimo con la signora che ha rifiutato l'affitto alla ragazza foggiana: "Una cretina"

Matteo Salvini sicuro su Pontida: "Sarà la più partecipata di sempre. Vogliamo unire il Paese"
"I Conte tornano". Camera con Vista, i retroscena dalla settimana del bis
Nicola Zingaretti, appello al M5s: "Non dobbiamo aver paura di allargare la coalizione alle regionali"

media