Cerca

Occhio al 53

Vittorio Feltri, Italia dritta all'inferno: dopo le Europee, governo M5s-Pd

12 Maggio 2019

5
Vittorio Feltri

Nonostante la Lega sia proiettata verso l'alto, e sia in procinto di diventare il primo partito italiano, continua a prevalere la subcultura di sinistra, che predica le stesse fregnacce del tempo che fu.

Il Pd infatti, per quanto destinato alla sepoltura, non smette di esercitare su una certa borghesia obsoleta un discreto fascino. Nei quartieri bene di città quali Milano, per esempio, esso è votato e quindi stimato come l'unica forza in grado di soddisfare le persone che abitano negli attici delle zone più chic. Non importa che i progressisti eredi del Pci siano minoritari dal punto di vista elettorale, essi sono graditi comunque dalla borghesia perché rappresentano un vecchio mondo antico che genera in parecchi ricchi una nostalgia per il Sessantotto e roba del genere.

D'altronde i signorini in questione sono sostenuti dalla stampa classica, dal Corriere alla Repubblica, cioè quotidiani innamorati della sinistra, redatti da elementi di sinistra, guidati da direttori di sinistra, i quali oggi tifano per un governo composto dal M5S e dal Partito democratico, odiando la Lega, giudicata buzzurra e impresentabile. I fighetti detestano Salvini, uomo qualunque, come una volta non sopportavano Giannini, ritenendolo un abusivo della politica, indegno di guidare la nazione.

Sono favorevoli all'immigrazione selvaggia, considerandola un bene per il Paese, non frequentano gli stranieri che, pertanto, vengono accettati proprio in quanto sconosciuti, sono inclini ai porti aperti, hanno simpatia per i rom da cui vivono a distanza, sono antifascisti di maniera per rendersi simpatici, insomma hanno il cuore a sinistra e il portafogli a destra. Gente che ama il popolo e ha in antipatia la popolazione.

Anche la televisione, pubblica e privata, subisce l'influenza della subcultura postcomunista poiché i giornalisti e i conduttori dei programmi sono tutti di estrazione "mancina" e si schierano da una parte ben precisa nella convinzione di essere più avanti dei populisti e dei sovranisti, i quali poveretti non sanno neanche di essere tali. Cosicché l'Italia reale, pur essendo maggioritaria, soccombe a quella ufficiale dell' informazione che la tratta con disprezzo.

A dire la verità e a fare giustizia saranno le urne tra un paio di settimane. I bulletti di sinistra e i fessacchiotti del M5S si troveranno nello stesso club e tenteranno di costituire una alleanza tra loro e un esecutivo balordo capace di compiere una sciagura. Via Salvini e dentro Zingaretti, quello che tesse le lodi dell'Unione Sovietica. Temo uno sposalizio tra grulli e grillini. Giacché i primi in Parlamento hanno il 20 per cento e i secondi il 33.

La somma fa 53, bastevole per formare una maggioranza che ci condurrà all'inferno. Non ci resta che confidare in Mattarella. Oddio, in che mani siamo.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Giuseppekrede

    13 Maggio 2019 - 08:08

    Caro Feltri la sinistra odia Berlusconi,odia Salvini, la sinistra ODIA chi unque sia ,che sono d' avanti a loro. La sinistra demonizza i suoi avversari, sono dei.. Fascisti, Mafiosi,Camorristi ,indrangheta,per le loro accuse hanno il loro esercito di pm e magistrati per distruggere l'avversario politico, la RAI per le propagande mediatiche. Italia il venezuela del sud Europa. Povera Patria

    Report

    Rispondi

  • cosean1

    12 Maggio 2019 - 23:11

    Pippo Pluto Inconsistente la vicenda Siri???? Certo che avere al governo un bancarottiere, un supposto corrotto, un reddito di 25.000 euro con un "mutuo" da 600.000 (mutuo tra virgolette, perche senza garanzie non è un mutuo) è inconsistente!?!? Mi dici qualcosa di più consistente???

    Report

    Rispondi

  • barry

    12 Maggio 2019 - 23:11

    Feltri ha pienamente ragione! L'unico motivo per cui Salvini non cede è che sa benissimo come andrà a finire se lui fa cadere il governo. Ma evidentemente c'è molta gente, sedicente centrista, che questo proprio non lo vuole capire, accecata com'è dalle proprie manie di grandezza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Matteo Salvini durissimo con la signora che ha rifiutato l'affitto alla ragazza foggiana: "Una cretina"

Matteo Salvini sicuro su Pontida: "Sarà la più partecipata di sempre. Vogliamo unire il Paese"
"I Conte tornano". Camera con Vista, i retroscena dalla settimana del bis
Nicola Zingaretti, appello al M5s: "Non dobbiamo aver paura di allargare la coalizione alle regionali"

media