Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Russia, Roberto Fico getta la maschera alla Camera: "Sto col Pd, Salvini in aula". Governo M5s-compagni?

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Giù la maschera. Da che è esplosa la vicenda dei presunti fondi alla Lega dalla Russia, il caso che vede al centro Gianluca Savoini, è tornata strettamente d'attualità la teoria secondo la quale M5s e Pd potrebbero provare una manovra di palazzo per ribaltare la maggioranza e andare al governo insieme senza passare dalle urne, riproponendo ancora Giuseppe Conte in veste di premier (Dario Franceschini sarebbe il grande tessitore di questa manovra). E a gettare la maschera, in un qualche modo, ci ha pensato Roberto Fico, uno dei leader della sinistra grillina. Il presidente dalla Camera, infatti, ha annunciato la sua adesione alla richiesta dem di chiedere che Matteo Salvini risponda in Parlamento delle indagini su rubli e Russiagate: "È arrivata la richiesta del Pd di far venire Salvini in aula sul caso Russia. Non posso che dire che quando un'opposizione chiama se riportano il dibattito dentro il Parlamento è sempre qualcosa di buono e positivo. Quella secondo me è la strada sempre più giusta. Di questo - ha aggiunto Fico - ho informato il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro, e su questo vedremo il prosieguo". Fico, insomma, si schiera armi e bagagli con il Pd: un netto agguato al governo gialloverde e al fronte governista del M5s, sempre più in bilico. Si pensi, infine, al fatto che le parole di Fico siano arrivate nello stesso giorno dell'intervista di Nicola Zingaretti a Repubblica, in cui il segretario Pd ha affermato: "Sia chiaro, noi non daremo tregua a Salvini finché lui o Conte non verranno in Parlamento a riferire nella sede propria la loro versione". Leggi anche: Russia e Savoini, gli insulti di Di Battista a Salvini

Dai blog