Cerca

appello

Vittorio Feltri: "Mattarella non ceda a questi banditi. Lo spezzatino in politica non ha mai funzionato"

13 Agosto 2019

8
Vittorio Feltri: "Mattarella non ceda a questi banditi. Lo spezzatino in politica non ha mai funzionato"

Lo spezzatino in politica non ha mai prodotto nulla di buono. Mi riferisco alle scissioni nei partiti che si susseguono con una facilità irrisoria. Quelle avvenute nella sinistra, quelle del SEL e di altri movimenti hanno ottenuto alle elezioni percentuali omeopatiche e non incidono sulle decisioni nazionali, sopravvivono a stento solo grazie al Tg, che ogni giorno mostra i volti e divulga, nel generale disinteresse, le dichiarazioni inutili di Fratoianni e Della Vedova, due volti noti e totalmente ininfluenti.
Da un po' si parla del desiderio di Renzi di staccarsi dalla casa madre onde fondare un nuovo movimento. Si sa che ora costui punta ad allearsi con i 5stelle al fine di varare un governo di scopo (come se gli altri esecutivi non ne avessero uno) che impedisca a Salvini di tornare alle urne dove questi vincerebbe a mani basse. Da notare che fino a qualche giorno fa Renzi diceva apertis verbis che Di Maio e soci costituivano una banda di squilibrati.

In venti minuti ha modificato idea pur di disarcionare Salvini che gli sta sui marroni perché più bravo di lui nel raccogliere consensi, cosicché in caso di apertura dei seggi la Lega tornerebbe in sella più vispa che prima. Mutare idea per interesse personale è lecito, ma farlo tanto rapidamente e senza spiegazioni dimostra che certa politichetta fa venire il vomito. Vabbè, vomiteremo. Non sarebbe la prima volta. Lo scissionismo ha contagiato anche Toti. Il quale dopo essere stato nominano delfino da Berlusconi si è ridotto a sardina fondando un coso denominato "Cambiamo!". Ma cosa cazzo vuoi cambiare? Il risultato di questa manovrina periferica è solo quello di impoverire Forza Italia già abbastanza provata da un declino cominciato dieci anni fa, allorché quell' allocco di Gianfranco Fini sfasciò il PDL convinto ingenuamente di mettere al mondo una propria formazione, che si rivelò fallimentare.


Rammento altre scissioni devastanti risalenti a un passato più remoto. Quando Bertinotti e compagni, di fronte al dissolvimento del PCI patrocinato da Occhetto, misero le basi di Rifondazione comunista e non si resero conto di avviarsi alla morte, che avvenne pochi anni dopo. Fermiamoci qui anche se sarebbe il caso di sottolineare il patatrac del Partito socialista democratico staccatosi dal Psi nenniano. Ogni volta che qualcuno ha tentato di abbandonare un partito per crearne uno minoritario nell' illusione di sopravvivere è andato incontro a un disastro. Tuttavia l' esperienza non insegna niente ai cretini. Pertanto ci troviamo davanti a Zingaretti che, dopo aver predicato giorni e giorni a favore delle consultazioni anticipate, ora da buon voltagabbana precisa che ha ragione Renzi nel sostenere la necessità di un esecutivo che scongiuri la vittoria di Salvini, un pateracchio con tutte le forze dentro, uno scatolone di profittatori che se ne freghino della volontà del popolo pur di non crepare padani. Se Mattarella soccomberà a questi banditi potremo chiudere bottega. E andare in piazza a fare casino, per sfogarci.

di Vittorio Feltri

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    14 Agosto 2019 - 15:03

    Se Mazzarella compira’ il suo dovere rispettando la volonta’ di andare a votare chiaramente espressa dal corpo elettorale meritera’ il plauso del Popolo Italiano. Altrimenti condividera’ il biasimo che circonda i suoi predecessori golpisti Scalfaro, Ciampi e Napolitano.

    Report

    Rispondi

  • Gustami

    14 Agosto 2019 - 09:09

    Quello che nel PD non capiscono - e io sono di sinistra, da sempre - è che l'allearsi con una lobby di marketing politico come i 5S non è né meno "populista" né meno "fascista" di allearsi con Salvini. Il voltafaccia di Renzi di molti "senzadime", che in 48 ore sono diventati "conme", è vergognoso, inquietante e ridicolo.

    Report

    Rispondi

  • Gustami

    14 Agosto 2019 - 08:08

    Renzi, con un voltafaccia clamoroso, ha dimostrato di essere un leader non meno populista di quell'associazione di marketing politico con cui ha stretto alleanza. A questo punto la sua speranza, e quella di tutta la sinistra, è che una componente autonoma e coesa di Forza Italia nel futuro governo Salvini eviti il peggio, per la sinistra stessa e per l'Italia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Liguria, i vigili del fuoco soccorrono un escursionista in difficoltà su una parete rocciosa

Crisi di governo, parla Giovanni Tria: "I conti sono a posto. La legge di bilancio si può fare"
Gianluigi Paragone si schiera con Alessandro Di Battista: "Il Pd mostra la solita spocchia". M5s spaccato
Incendi in Amazzonia, le immagini aeree delle zone devastate. Terrificante

media