Cerca

Questi non cambiano mai

Lamberto Dini, l'assurda carta segreta della sinistra per fermare Salvini. D'Alema: "Impopolare, ma funziona"

16 Agosto 2019

11
Lamberto Dini, l'assurda carta segreta della sinistra per fermare Salvini. D'Alema: "Impopolare, ma funziona"

Lo chiamano "governo di decantazione", si legge "governicchio" o inciucione. Poco cambia, il succo è quello: dentro il Pd (e a sinistra) ormai sono tutti convinti della bontà dell'operazione: allearsi con il Movimento 5 Stelle con un solo scopo, fermare l'ascesa di Matteo Salvini. E la parola d'ordine, ora, è "Lamberto Dini".




Se si tornasse alle urne, sondaggi alla mano, il Capitano vincerebbe facile, addirittura si avvicinerebbe al plebiscito con un centrodestra unito e compatto. Cosa c'è di meglio allora di un bell'accordo con i nemici grillini, mascherandolo da governo "istituzionale" per farlo poi diventare, subito, "di legislatura"?. Per il primo tifava Matteo Renzi, ma ora a preferire tempi lunghi sono in tanti, dal segretario Nicola Zingaretti a vari consiglieri influenti. Bettini, Enrico Letta, Walter Veltroni. E anche i già fuoriusciti Pierluigi Bersani e Massimo D'Alema, che ora hanno sentito profumo di governo e si stanno riavvicinando. È proprio Baffino, scrive Repubblica, a ragionare sul governo Pd-M5s in questi termini rivelatori: "Anche nel 1994 quando cadde il governo Berlusconi I sembrava scontato il ritorno immediato alle urne e la vittoria di Berlusconi. Invece con il governo Dini facemmo un'operazione che era impopolare ma decisiva per il paese. Fu infatti quella scelta che permise poi al centrosinistra di vincere le elezioni. E con il governo Prodi, l'Italia entrò in Europa".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • swiller

    16 Agosto 2019 - 09:18

    Poi danno del fascista a Salvini mentre loro sono dei nazzisti della peggior specie Hitler a loro confronto è un santo.

    Report

    Rispondi

  • FraBru

    16 Agosto 2019 - 09:13

    ...con il governo Prodi, l'Italia entrò in Europa, e io che pensavo, l'Italia fosse entrata in Europa con i trattati di Roma del 1956! Forse allora Baffino si interessava solo alle "imprese" dell'armata rossa nei paesi dell'est. Poi non ho capito, ma che i cattokom vorrebbero davvero togliere dall'armadio lo scheletro Dini? Allora il pannolone Napolitano potrebbe candidarsi per un terzo mandato!

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    16 Agosto 2019 - 09:05

    Rientrato in campo per ... servire l'Italia. Nel 1994 tagliò la pensione agli italiani ma lui , pare che percepisca una pensione di oltre 30.000 € mensili, Onore al PD , salvatori della patria

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Elezioni nel Regno Unito, le voci dei londinesi: "Speriamo in una soluzione sulla Brexit"

Salvini spara contro i Cinquestelle: "M5s ha perso il suo popolo per abbraccio mortale con il Pd"
Mes, Luigi Di Maio attacca la destra: "Facciamo chiarezza". E lo spiega con un disegnino
Matteo Renzi sul caso Open: "Quel giustizialismo peloso, non lasciamo che il pm faccia un'azione politica"

media