Cerca

politica

Incontro Zingaretti-Di Maio

Giornata di colloqui e trattative. Dai dem sì al taglio dei parlamentari con garanzie costituzionali. Salvini: "Ipotesi accordo fa rabbrividire"

23 Agosto 2019

0
Incontro Zingaretti-Di Maio
Giornata di colloqui e trattative. Dai dem sì al taglio dei parlamentari con garanzie costituzionali. Salvini: "Ipotesi accordo fa rabbrividire"

Roma, 23 ago. (Adnkronos) -

Sarebbe in corso, a quanto si apprende, un incontro tra il capo politico del M5S Luigi Di Maio e il segretario del Pd, Nicola Zingaretti. Il faccia a faccia, dopo una giornata di trattative, iniziata con l'incontro alla Camera tra le delegazioni Pd e M5S, dove "non ci sono stati veti". "Noi ci crediamo", assicurano dal Nazareno. Ma i vertici dem ancora non si sentono di dire lo stesso per quanto riguarda i 5 Stelle.

Intanto, nella seconda giornata di tensioni tra le anime dem con l'audio di Matteo Renzi che attacca Paolo Gentiloni, oggi tutto lo stato maggiore Pd ha passato la giornata al Nazareno. Da Dario Franceschini all'ex premier. Fonti parlamentari vicine a Gentiloni lo descrivono "impegnato accanto al segretario sin dal primo minuto perché questa ipotesi, questo tentativo vada in porto. Nessuno se ne nasconde le difficoltà, ma prevalga responsabilità e spirito positivo". A quanto viene riferito, il primo confronto ufficiale con i 5 Stelle è stato positivo.

"Meglio di ogni aspettativa", sostengono fonti parlamentari. I temi sul tavolo sono stati diversi, dall'ambiente al sociale ma, si spiega, in modo particolare ci si sarebbe soffermati su riforme costituzionali, legge di bilancio e legge elettorale. "A livello preliminare -ha detto Andrea Orlando al termine dell'incontro- non presentano ostacoli di carattere insormontabile, compresa la definizione dell'agenda sulle riforme costituzionali".

Un tema quello delle riforme costituzionali e della legge elettorale che tocca un argomento prioritario per i 5 Stelle. Il taglio del numero dei parlamentari. Dicono in una nota i capigruppo Andrea Marcucci e Graziano Delrio e il vicesegretario dem Andrea Orlando (tutti e tre nella delegazione dell'incontro con M5S): "Noi siamo sempre stati e rimaniamo a favore del taglio dei parlamentari. Siamo disponibili a votare la legge ma riteniamo che vada accompagnato da garanzia costituzionali e da regole sul funzionamento parlamentare. E' questo il senso del calendario che siamo disponibili a costruire insieme e in tempi rapidi".

Una risposta precisa alla sollecitazione del capogruppo pentastellato Francesco D'Uva: "Noi abbiamo chiesto garanzie affinché il taglio dei parlamentari venga calendarizzato il prima possibile". E, da parte sua, D'Uva ha messo nero su bianco che i 5 Stelle non avrebbero alcun tavolo 'parallelo' con la Lega: "Non abbiamo ulteriori tavoli, non abbiamo altri tavoli in calendario con altre forze politiche". Il punto è che da Di Maio un'affermazione simile non è ancora arrivata. E Orlando lo ha evidenziato chiedendo "un passaggio formale in questo senso, mi pare sia importante che questo sia detto in modo chiaro al capo dello Stato".

Un'ambiguità che va chiusa se si vuole andare, davvero, fino in fondo nella trattativa. "Prima di affrontare altri temi va sciolta ogni forma di ambiguità, riteniamo che prima ci deve essere una risposta chiara che questa è l'unica interlocuzione possibile per il prosieguo della legislatura". Intanto nella giornata di domenica si riuniranno al Nazareno 6 tavoli "di lavoro del Pd per il programma del Governo di svolta".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

"Non è normale che sia normale”, la campagna di sensibilizzazione della Carfagna è già diventata una canzone

Donald Tusk: "La Lega nel Ppe? Ho molta immaginazione ma ci sono dei limiti"
Mes, Matteo Salvini smaschera il patto: "Salvare le banche, sì. Quelle tedesche e francesi"
Giuseppe Conte e il "sovranismo da operetta". Cosa diceva qualche mese fa

media