Cerca

Il retroscena

Giuseppe Conte e Luigi Di Maio, l'incontro finisce in rissa: urla e grida. Tensione alle stelle

2 Settembre 2019

1
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio, l'incontro finisce in rissa: urla e grida. Tensione alle stelle

Giuseppe Conte resiste sui due vicepremier: "Con Luigi Di Maio dentro si stabilizzerebbe il governo e il mio ruolo, a tutto vantaggio del Pd". Con il grillino al suo fianco, è il ragionamento, riuscirebbe a tenersi fuori dalla dialettica quotidiano con il Pd. Eppure, rivela La Stampa in un retroscena, nel Pd intravedono crepe nel muro innalzato dal capo del governo. E leggono la sua resistenza a oltranza come dettata dall'esigenza di sanare una frattura con il leader grillino.

Del resto venerdì scorso Di Maio e Conte hanno litigato in modo furibondo con urla e grida (proprio il giorno in cui il grillino ha lanciato il suo ultimatum al Pd evocando il voto). I rapporti tra i due sono tesissimi. Di Maio con i suoi si è sfogato più volte: "Conte non è del M5S", è "più vicino al Pd", "e lo ha dimostrato in questi mesi".

Per questo Gigino vuole restare vicepremier: vuole continuare a essere l'occhio del M5S dentro il palazzo, "quando si prenderanno le decisioni importanti". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ernesto1943

    02 Settembre 2019 - 15:12

    finalmente i gonzi si stanno accorgendo di aver messo la faina conte nel pollai grillino.

    Report

    Rispondi

Giuseppe Conte contro i cronisti: "Non chiamatelo 'questo Renzi', è pur sempre un leader della maggioranza"

Matteo Salvini contro le sardine: "Flop a Napoli? Che peccato, ma se fai le vacanze con Oliviero Toscani..."
Giorgia Meloni vede il grande bluff di Matteo Renzi: "Gli interessano le nomine, non i problemi dei cittadini"
Siria, cadono le bombe: papà inventa un gioco per non far spaventare la figlia

media