Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gianluigi Paragone, la "furbata" dell'Ue per aiutare l'Italia con il coronavirus è "un prestito senior"

  • a
  • a
  • a

Gianluigi Paragone, dopo le parole di Christine Lagarde, si è fatto un'idea su quello che sta succedendo nelle retrovie della Bce. "Secondo me stanno facendo di tutto per infilarci dentro il Mes". Inizia così l'intervento dell'ex grillino sulle colonne del Tempo. "L'inganno che potrebbero proporre al governo italiano per rifiatare è il seguente: noi vi diamo un prestito il più libero possibile da vincoli e da impegni in modo tale che l'Italia possa fronteggiare un primo step nell'emergenza virus senza per questo sentirsi eccessivamente vincolata". Ma ecco che spunta il tranello: "Il prestito però avrebbe un'insidia nella sua composizione nel senso che potrebbe essere un prestito cosiddetto senior, uno di quelli che andrebbe ripagato prima di altri impegni per esempio prima dei Btp". Una "furbata", come la definisce Paragone che verrebbe "sgamata" dal mercato in tempo zero costringendoci a recuperare la conseguente mancanza di liquidità generata dalla vendita anticipata dei titoli di Stato in questione.


"Forse qui - prosegue - nessuno ha ancora chiaro che tutta la pazienza e la responsabilità di questi giorni ha un prezzo economico molto alto, perché nessuna ripresa sarà possibile senza interventi massicci da parte dello Stato. La battaglia contro la propagazione del virus è sacrosanta ma inceppa la catena della produzione e della spesa alimentando i moltiplicatori della recessione. Poche settimane basteranno per radere al suolo pezzi importanti del nostro sistema produttivo, chi pensa che la politica della questua possa farci rialzare non ha capito nulla". 

.

Dai blog