Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giuseppe Conte "non ha i numeri". La chat segreta dei parlamentari grillini: il sospetto sui "traditori" nel M5s

  • a
  • a
  • a

Le dimissioni di Giuseppe Conte fanno esplodere il Movimento 5 Stelle. Nel vertice dei big grillini, spiega un retroscena del Corriere della Sera, due sono i fronti di guerra interna: la squadra dei ministri e i vertici del Movimento. "Conte va difeso, ma la squadra va cambiata perché ha fallito su tutta la linea", spiegano i critici, O ancora: "Crimi? Non ha una legittimazione politica". Proprio il discorso del reggente non convince, "Siamo i garanti del Recovery - spiega Vito Crimi ai suoi -, che non deve essere gestito dalla Lega, non ci sono alternative a Conte". E quando invita a "non parlare di Mes o Ponte sullo Stretto" per "non essere divisivi", alcuni grillini maliziosi sussurrano: "Sembra Franceschini". Nei corridoi di palazzo si fanno nome di possibili nuovi premier a 5 Stelle: Luigi Di Maio, Roberto Fico, Stefano Patuanelli.

 



Un veto lo mette Alessandro Di Battista, ufficialmente senza incarichi nel Movimento eppure ancora molto influente (e lo sarà di più se si tornasse a votare, visto che scenderebbe in campo dopo il biennio sabbatico dedicato alla famiglia e ai reportage di viaggio): Dibba dice no a un dialogo con Matteo Renzi e ribadisce "Non cambio linea". Lui è il convitato di pietra del vertice pentastellato, i senatori e i deputati esclusi dalla riunione ristretta, spiega ancora il Corsera, si lamentano platealmente parlando di "mancato coinvolgimento da parte dei vertici" e nelle chat riservate "iniziano a circolare insinuazioni sui contiani del Movimento".

 



C'è chi dubita, si legge, che "stiano giocando una partita personale, sapendo che probabilmente saranno pochi quelli che rientreranno nei progetti del premier". Addirittura si dubita di Conte stesso: "Non ha i numeri". E quando Crimi pubblica un post su una possibile alleanza in giunta con il Pd in Puglia, ecco partire l'invettiva: "Si piega ad Emiliano". Tutto fa brodo per bombardare il presunto leader e, di rifless, la linea del Movimento. 

Dai blog