Cerca

RICERCA SCIENTIFICA

V. Longo: “Novità su longevità
e sull’alimentazione controllata”

Lo scienziato italiano continua a produrre nuove evidenze scientifiche. L’ultima ricerca ha evidenziato che cicli di Programma mima digiuno producono effetti positivi negli animali con malattie infiammatorie intestinali

14 Giugno 2019

0
V. Longo: “Novità su longevitàe sull’alimentazione controllata”

I cicli di Programma mima digiuno (Pmd) incidono positivamente sui marcatori di infiammazione sistemica nell’uomo e fanno ben sperare che possano produrre benefici anche per i pazienti con malattie infiammatorie intestinali. È questa l’ultima scoperta realizzata da Valter Longo, lo scienziato italiano inserito dal ‘Time’ nella lista dei 50 personaggi più influenti del 2018 nell’ambito della salute. Alimentazione controllata e longevità è il tema a cui Valter Longo si è dedicato negli ultimi 25 anni con studi e ricerche che hanno portato a innovativi risultati come la Dieta della Longevità e il Programma mima digiuno. Lo scienziato italiano prosegue incessantemente il suo lavoro che continua a produrre nuove evidenze scientifiche: secondo una ricerca appena pubblicata sulla prestigiosa rivista ‘Cell Reports’, cicli di Programma mima digiuno producono effetti positivi negli animali con malattie infiammatorie intestinali.

Nello studio ‘Fasting-Mimicking Diet Modulates Microbiota and Promotes Intestinal Regeneration to Reduce Inflammatory Bowel Disease Pathology’, Longo e la sua equipe di ricercatori della University of South California hanno analizzato gli effetti sull’evoluzione dell’infiammazione intestinale in topi con malattie infiammatorie croniche intestinali (Mici) che erano stati sottoposti a 2 cicli di 4 giorni ciascuno di Pmd e che successivamente avevano ricevuto una normale alimentazione. “I risultati ottenuti dagli studi precedenti e quelli della più recente ricerca pubblicata su ‘Cell Reports’ - ha affermato Valter Longo - indicano che cicli di Pmd incidono positivamente sui marcatori di infiammazione sistemica nell’uomo e fanno ben sperare che possano produrre benefici anche per i pazienti con malattie infiammatorie intestinali, come il Morbo di Chron e la colite ulcerosa. A tal fine, la Clinica di Genova sta sviluppando uno studio clinico randomizzato che prevede l’impiego di Pmd in pazienti con Mici, proprio con l’obiettivo di determinarne l’efficacia e la sicurezza nell’uomo”.

I dati ottenuti hanno dimostrato scientificamente come questi cicli di Pmd producano importanti effetti, con un chiaro miglioramento dei sintomi associati alla patologia:è stata rilevata una maggior rigenerazione dell’epitelio intestinale, grazia alla attivazione delle cellule staminali, un miglior controllo della risposta immunitaria e un aumento delle popolazioni intestinali ‘buone’, in particolare di Lactobacilli e di Bifidobatteri. Le malattie infiammatorie croniche intestinali comprendono una serie di patologie caratterizzate da infiammazione acuta e cronica a carico dell’intestino, i cui più comuni sintomi sono dolori addominali, dissenteria, malassorbimento dei nutrienti e, a volte, anemia. Queste patologie sono molto presenti nei Paesi più industrializzati, dove i pazienti sono aumentati fino a 20 volte negli ultimi 10 anni, e sono in costante crescita. In Italia si calcola che circa 200 mila persone oggi ne siano affette.

“Le terapie per la cura di queste malattie – ha sottolineato Giorgio Sesti, professore Ordinario di Medicina Interna Università Magna Graecia di Catanzaro - utilizzano attualmente prodotti cortisonici, immunosoppressori e antibiotici con l’obiettivo di ridurre lo stato infiammatorio intestinale, inibire il sistema immunitario e contrastare i batteri intestinali nocivi. Non essendo ancora stata individuata una cura specifica, la ricerca scientifica è focalizzata sullo sviluppo di nuovi approcci terapeutici che migliorino la qualità di vita dei pazienti”. Il Programma Mima Digiuno consiste in un protocollo alimentare ipocalorico che riproduce gli effetti di un totale digiuno nell’organismo e favorisce una riprogrammazione cellulare capace di aiutare il nostro corpo a gestire meglio il trascorrere del tempo. L’ambito della Malattie Infiammatorie Intestinali estenderebbe ulteriormente il campo di azione dei benefici del Programma Mima Digiuno, che si articola in un regime alimentare vegetale di 5 giorni da ripetersi in maniera costante nel tempo e che rappresenta un rilevante induttore di rigenerazione e protezione, con provate misure anti-aging.

Attraverso il Programma mima digiuno si stimolano un reset e una riprogrammazione dell’organismo, con conseguenti effetti benefici sul processo di invecchiamento ottenuti, tra l’altro, attraverso la produzione di cellule staminali. Gli studi preclinici e clinici hanno messo in evidenza un miglioramento significativo del benessere generale, anche in termini di ottimizzazione dei marcatori metabolici e di riduzione del grasso addominale; in altri termini è ragionevole pensare che questo programma generi un impatto positivo sulla longevità. Longo ha divulgato e reso accessibile al grande pubblico i principi fondamentali delle sue ricerche scientifiche attraverso la pubblicazione di due testi che la Antonio Vallardi Editore ha rieditato in un unico pratico volume dal titolo ‘La Dieta della Longevità - Alla Tavola della Longevità’, disponibile nelle librerie italiane. I libri hanno fatto registrare un successo senza precedenti e hanno creato un genere editoriale che prima non esisteva. La Antonio Vallardi Editore ha deciso quindi di riunire le due pubblicazioni in un unico volume per ampliare la divulgazione delle conoscenze frutto del lavoro che il professor Longo ha portato avanti in tutti questi anni. (ANNA CAPASSO)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Giorgia Meloni svela il vero obiettivo di Conte: "Salvare le poltrone del M5s"

Giuseppe Conte entra in Senato, applausi e strette di mano con i ministri 5 stelle. Gelo con i leghisti
Giulia Bongiorno: "Lega compatta, se c'è stata una rottura coi 5 stelle è solo perché vogliamo fare bene"
Luigi Di Maio lascia la riunione dei gruppi M5s senza fare dichiarazioni. Bocche cucite tra i grillini

media