Cerca

La ricerca

Legumi, lo studio del pool di esperti: infarti e ictus, perché non aiutano

26 Novembre 2019

0
Legumi

Esiste un nesso tra il consumo di legumi e le malattie cardiometaboliche? Una domanda a cui ha provato dare risposta un gruppo di esperti che ha stilato le nuove linee guida della European Association for the Study of Diabetes. Come riporta ilfattoalimentare.it, il risultato non offre conclusioni nette, ma comunque qualche spunto interessante. In primis, emerge in modo piuttosto nitido come la tendenza ad includere nella propria dieta piselli, lenticchie, fagioli e altri legumi è di aiuto nel ridurre alcuni indici di rischio cardiovascolare.

La ricerca si basava su 28 differenti studi, nei quali si analizzavano casi di infarto, ictus, diabete, ipertensione, obesità e la mortalità associata a questi mali. La ricerca ha dimostrato che chi consuma più legumi ha una diminuzione del rischio di sviluppare una malattia cardiovascolare dell'8%, una malattia coronarica del 10%, ipertensione del 9% e obesità del 13% rispetto a chi ne consuma di meno. Al contrario, non sono state rintracciate associazioni degne di rilievo con l'incidenza di infarti, ictus e diabete, né con la mortalità da patologie cardiovascolari, coronariche e ictus.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Liliana Segre, a Milano la marcia di solidarietà dei sindaci: "L'odio non ha futuro"

Matteo Salvini, messaggio ai giallorossi: "Il mio obiettivo è tornare al governo"
Zingaretti, l'amara ammissione sulla verifica di governo: "Dobbiamo ridare la fiducia agli italiani"
Mes, Giuseppe Conte: "Non temo il confronto con il Parlamento"

media