Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Guido Bertolini: "Gli uomini sono più colpiti delle donne (forse protette dagli estrogeni)"

Guido Bertolini

  • a
  • a
  • a

E' ufficiale, il coronavirus "contagia più i maschi delle femmine. Più i casi sono gravi e più si sale con l' età, più la differenza cresce. Le terapie intensive ormai scoppiano di uomini", spiega Guido Bertolini, epidemiologo dell'Istituto Mario Negri di Bergamo in una intervista a La Repubblica, "il problema, con l'epidemia in una fase iniziale, è che non riusciamo a capire perché".

Dopo tre settimane però le statistiche "cominciano a essere chiare. Su dieci contagiati in modo grave, 7 sono maschi e 3 sono femmine. Negli anziani arriviamo al rapporto di 8 a 2. Da oggi studiamo un fenomeno che nasconde il segreto per aggredire il virus: la direzione è il suo rapporto con l'assetto ormonale dei due sessi".

Una ipotesi, ragiona Bertolini, si basa infatti sulla "differenza più evidente tra maschi e femmine", ovvero gli ormoni. "I primi producono androgeni, le seconde estrogeni. Questi costruiscono resistenze naturali contro molte patologie, a partire da quelle cardiovascolari. La sfida è capire cosa succede con il Covid-19". Perché per esempio "dopo la menopausa nelle donne la produzione di estrogeni cala. Anche loro, con l'avanzare dell' età, dovrebbero dunque diventare più attaccabili. Invece non succede. Anzi: più i contagiati sono anziani e più cresce la percentuale di maschi, in particolare nei casi gravi".  Aspetto che "stiamo studiando".  I dati del resto parlano chiaro: "Prendiamo il totale dei decessi: 70% maschi e 30% femmine. Solo l' 1,7% delle donne muore, rispetto al 2,8 degli uomini. Tra i casi confermati siamo a 4,7% tra i maschi e a 2,8% tra le femmine. Se aggiungiamo che il rapporto è di 7 a 3 anche nei ricoveri in terapia intensiva è chiaro che la scienza deve approfondire in fretta".

 

Dai blog