Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Masterchef 8, Antonino Cannavacciuolo e il boato cavernicolo con cui annuncia la vittoria di Valeria Raciti

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

Siamo alla finalissima di Masterchef 8, dove ha trionfato la siciliana Valeria Raciti, 31enne siciliana che ha proposta un menù-degustazione di sei portate che univa tradizione e innovazione. Vittoria meritatissima, conquistati i giudici: Antonino Cannavacciuolo, Giorgio Locatelli, Joe Bastianich e Bruno Barbieri. A lei il titolo, 100mila euro in gettoni d'oro e la pubblicazione di un libro di ricette, che sarà pubblicato da Baldini&Castoldi. Battuto il super-favorito Gilberto. Una finalissima bella e combattuta, difficile da scordare. Soprattutto per un dettaglio tra il comico e grottesco: ossia il modo in cui il mitico Cannavacciuolo ha annunciato la vittoria della Raciti. Un po' come il Carlo Cracco dei vecchi tempi, infatti, Antonino si è lanciato in un urlo buono per squarciare i timpani, scandendo a tutti decibel il nome della ragazza. O almeno ci ha provato. Infatti, dalla bocca di Cannavacciuolo, è uscito una sorta di boato cavernicolo, ben lontano da "Valeria". Urlo, comunque, sufficiente per farsi comprendere. Grasse risate del pubblico. Leggi anche: Bastianich, piccione nel piatto e delirio-social #VALERIA È L'OTTAVA #MASTERCHEFIT! pic.twitter.com/CpOJeCrQcR— MasterChef Italia (@MasterChef_it) 4 aprile 2019

Dai blog