Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alain Delon colpito da icuts: il mito ricoverato in Svizzera. I medici: "Adesso è stabile"

Davide Locano
  • a
  • a
  • a

L'attore 83enne Alain Delon ha avuto un ictus e ha avuto una «lieve» emorragia cerebrale diverse settimane fa e da allora «riposa tranquillamente» in una clinica in Svizzera. Lo ha annunciato all'AFP il figlio maggiore Anthony Delon. Le sue funzioni vitali sono "perfette e le sue condizioni stabilizzate, secondo i medici", afferma Anthony Delon. "Mio padre ha avuto un incidente cardiovascolare e una lieve emorragia cerebrale", ha annunciato il figlio maggiore dell'attore. "È stato operato al Pitié-Salpétriere (un noto ospedale di Parigi, ndr), dove ha trascorso tre settimane in terapia intensiva. Tutta la famiglia si è alternata al suo capezzale, mio fratello, mia sorella e mia madre Nathalie", ha aggiunto Anthony Delon. "Le sue funzioni vitali sono perfette e le sue condizioni stabilizzate - ha proseguito il figlio dell'attore - secondo i medici, è tornato in Svizzera e si siede tranquillamente in una clinica". "Mia sorella, che ora risiede in Svizzera, sta seguendo da vicino la sua guarigione e ci tiene al passo con i suoi progressi quotidiani", conclude il testo diffuso dal figlio del mostro sacro del cinema francese. Nelle ultime settimane, diverse riviste di gossip tra cui Closer e Voici avevano affermato che l'attore aveva subito un ictus e un'emorragia cerebrale. A metà giugno, l'entourage professionale di Alain Delon aveva detto a AFP che l'attore era stato ricoverato all'ospedale americano di Neuilly "per vertigini e apparentemente lievi mal di testa". "Sintomi probabilmente dovuti all'aritmia cardiaca subita dall'attore", si diceva la stessa fonte. "È stato solo oggetto di esami precauzionali e dovrebbe essere rilasciato presto", ha aggiunto. Grande regista, Alain Delon ha ricevuto una Palma d'Oro a Cannes poche settimane fa dalle mani di sua figlia Anouchka. Molto commosso, aveva fatto un discorso con accenti testamentari, parlando di «un tributo postumo, ma di (i suoi) vivi".

Dai blog