Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Lazio ribalta il Cagliari tra le polemiche e crede nello scudetto. Domenica la Supercoppa: Juve avvisata

Gabriele Galluccio
  • a
  • a
  • a

La Lazio rientra prepotentemente in corsa per lo scudetto con un'impresa da consegnare agli annali della serie A. Alla Sardegna Arena il Cagliari flirta per 90 minuti e oltre con un successo che sarebbe valso il quattordicesimo risultato utile e soprattutto il quarto posto in classifica, invece è la Lazio a far festa con un ribaltone clamoroso. Per approfondire leggi anche: Sprangate e lancio di bottiglie, gli scontri prima di Cagliari-Lazio Simeone apre le danze dopo 8' con un gran tiro al volo di sinistro che non lascia scampo a Strakosha, dopodiché i sardi hanno diverse occasioni nitide per raddoppiare ma le sprecano malamente. Allora i biancocelesti ci credono e trovano la rimonta in pieno recupero: al 93' Luis Felipe sfrutta un tocco sfortunato di Faragò per battere a rete e siglare il pareggio. La partita dovrebbe terminare al 97', ma l'arbitro Maresca concede 30 secondi in più per un cambio del Cagliari: la Lazio li sfrutta pienamente trovando il gol vittoria con uno stacco imperioso di Caicedo. Dopo il fischio finale i sardi protestano veementemente per un recupero così lungo e, a loro dire, ingiustificato.  Fatto sta che gli uomini di Inzaghi tornano a casa con l'ottava vittoria consecutiva in campionato che vale il terzo posto a -3 dalla vetta, condivisa da Juventus e Inter. Proprio i bianconeri sono avvisati in vista della Supercoppa Italiana, in programma domenica 22 dicembre: in campionato la Lazio ha avuto la meglio per 3-1, Ronaldo e compagni dovranno sudare le proverbiali sette camicie per portare a casa il primo trofeo stagionale. 

Dai blog