Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sinisa Mihajlovic: "Ho fatto due guerre, mesi in ospedale. Che problema è restare a casa?"

  • a
  • a
  • a

La lezione di Sinisa Mihajlovic, uno che di battaglie ne ha combattute tante, in questo momento anche contro la malattia. Una vita tosta, dura, in cui non ha mai mollato. Una persona da ascoltare, in questo momento drammatico per l'Italia. Per lui, le precauzioni da seguire per il coronavirus, oltre che un obbligo inderogabile, sono una passeggiata: "Ho fatto due guerre, vissuto le bombe: sarà mai un problema stare a casa?", afferma il tecnico del Bologna intervistato da La gazzetta dello sport. E ancora: "Non sto sminuendo i pericoli del coronavirus, né l'ansia di chi non è abituato a stare a casa. Per dire: mia moglie si muove di più in casa che certi calciatori in campo! Ma dopo mesi in ospedale senza neppure aprire una finestra, stare a casa con la famiglia per me è un privilegio", sottolinea Sinisa. E come la riempie la sua giornata: "Libri, internet, telefono, film, serie tv... c'è di peggio no? Dobbiamo aiutare i medici stando a casa, proteggendo le fasce più deboli. Si dice che muoiono solo gli anziani con patologie pregresse, come fosse una consolazione. Ma gli anziani non sono numeri, sono risorse, sono la nostra storia", conclude Mihajlovic.

Dai blog