Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pazza Inter all'esordio, con la Fiorentina è 4-3: Conte esulta con la rimonta a tempo quasi scaduto

  • a
  • a
  • a

È subito una pazza Inter quella che all’esordio in campionato vince 4-3 contro la Fiorentina. I cambi di Antonio Conte sono stati decisivi per ribaltare per una seconda volta una partita intensa, divertente e con tante giocate di qualità. Nel finale gli ingressi di Sanchez e Hakimi sono stati fondamentali per consentire ai nerazzurri di iniziare il campionato di Serie A con tre punti. Ma andiamo con ordine: la Fiorentina è andata avanti dopo soli 3’ con il tap-in di Kuamé su generoso assist di Bonaventura a due passi dalla porta. Una doccia fredda per l’Inter, che però allo scadere del primo tempo ha estratto il jolly con Lautaro Martinez, che dal limite dell’area ha lasciato partire una un gran destro piazzato sul secondo palo, siglando il pareggio. Al 52’ è ancora l’argentino a fare la giocata, stavolta in piena area, che ha portato alla sfortunata deviazione di Ceccherini: autogol e 2-1.

La Fiorentina non si è arresa, anzi in contropiede ha assestato un uno-due micidiale: prima con Castrovilli, che al 57’ ha spedito in rete l’invito al bacio di Ribery; poi al 64’ con Chiesa, che ha battuto Handanovic con un pallonetto dopo essere stato mandato in porta da un passaggio di Ribery che ha tagliato fuori tutti i nerazzurri in recupero. Proprio quando la Fiorentina ha iniziato a pregustare una vittoria strepitosa, è uscita fuori la grande squadra: all’87’ Lukaku ha fatto 3-3 finalizzando una grande azione in palleggio, con Sanchez a servire in profondità Hakimi, che ha poi fatto l’assist per il belga. L’Inter ha continuato a spingere e due minuti più tardi è stata premiata: angolo battuto corto per Sanchez, che ha crossato dalla sinistra trovando la testa di D’Ambrosio. Ormai non sorprende più che a segnare gol pesanti sia proprio lui, che continua ad essere un titolare fisso anche con Antonio Conte. 

Dai blog